Lagdei - monti Tavola e Fosco (Parma)

Località di partenza Lagdei (1257 m) -  Parma
Quota massima 1682 m monte Fosco
Dislivello complessivo in salita 600 m
Arrivo Lagdei (1257 m) -  Parma
Acqua lungo il percorso NO
Parcheggio libero Lagdei località "i cancelli" - Link

Come arrivare: da Parma si percorre la SP665 verso Langhirano. Superato il paese si continua dritto in direzione di Pastorello dove, alla rotonda, si prosegue, prima uscita a destra, per Corniglio. Superati i paesi di Beduzzo, Curatico, Vestola si arriva a Miano. Poco dopo Miano si gira a destra e si seguono le indicazioni per Lagdei.

Lasciamo l’auto nel parcheggio ai "cancelli” di Lagdei e mettiamo subito le ciaspole. In pochi minutiRifugio Lagdei raggiungiamo il rifugio Lagdei dove inizia il sentiero per il monte Tavola (segnavia CAI n. 725) e il Monte Fosco. Il primo tratto è pianeggiante e dopo aver attraversato il ponticello di legno inizia la salita con lieve pendenza verso l’interno del bosco. Attraversiamo una zona di disboscamento dovuto a una malattia che ha colpito numerosi abeti. Sul percorso purtroppo troviamo altre piante malate che probabilmente dovranno essere abbattute a breve. Il sentiero è largo, ben segnalato e non presenta alcuna difficoltà. Dopo aver superato un cancelletto in legno e affrontato una breve salita nella faggeta Il bivio per il monte Foscoarriviamo a Roncobuono (1262 m). Seguiamo sempre il segnavia n. 725 ed iniziamo a salire. Poco prima di arrivare ai prati del monte Tavola deviamo all’interno del bosco seguendo sempre il segnavia n 725 che indica la Bocchetta del Tavola a 50 minuti  modificando l’itinerario che già avevamo percorso nel gennaio 2011 (Lagdei - monte Tavola). Arriviamo alla Bocchetta del Tavola (1444 m) dove a sinistra parte il sentiero per il monte Fosco mentre a destraVerso il monte Tavola quello che porta al monte Tavola. Qui è presente un cippo di confine in pietra datato 1828 dove è ancora evidente la corona-simbolo del Ducato di Parma e Piacenza. Da questo punto in poi la salita verso il monte Tavola si fa più impegnativa, ma per fortuna breve, e in pochi minuti arriviamo al bivio per il passo del Cirone (il cartello indica circa un ora). Noi Verso la cima del monte Tavolaproseguiamo in salita verso la vetta del monte Tavola investiti da fortissime folate di vento. Dopo pochi metri, costeggiando il bordo del prato, arriviamo alla vetta del monte Tavola (1508 m). Il vento continua a soffiare molto forte e dopo aver scattato qualche foto cominciamo a scendere velocemente fino alla Bocchetta del Tavola. Adesso seguiamo l’itinerario che porta alIl cippo in pietra con il simblolo del Ducato monte Fosco (circa 25 minuti). Le abbondanti nevicate degli ultimi giorni hanno depositato uno strato di neve molto soffice e, nonostante le ciaspole, affondiamo nella neve fin quasi al ginocchio. La salita procede sempre molto ripida e avanziamo a fatica fino a giungere ad un tratto di sentiero un po’ più pianeggiante. Pochi passi e finalmente siamo sulla vetta del monte Fosco (1682 m). La vista da qui è spettacolare e, essendo il crinale coperto dalla neve, è notevolmente diversa dal panorama al quale siamo abituati nel corso delle nostre escursioni estive e autunnali (vedi itinerario estivo 1 e vedi itinerario estivo 2). Di fronte a noi si erge il monte Orsaro (m 1830), a sinistra individuiamo la croce in ferro che contraddistingue il monte Sulla vetta del Monte FoscoMarmagna (1851 m), e di seguito seguendo il crinale notiamo il monte Aquila (1779 m), il monte Brusà (1796 m), il monte Matto (1837 m) e il monte Sillara (1861 m). Il vento continua a soffiare sempre molto forte e allora, dopo aver scattato alcune foto, decidiamo di tornare sui nostri passi e in poco tempo, sfruttando alcuni tratti di maggior pendenza e senza troppe deviazioni puntiamo dritto alla Bocchetta del Tavola. Dopo aver ripreso il sentiero principale nei pressi della bocchetta del Tavola, costeggiamo i prati del monte Tavola e in circa mezz’oretta arriviamo al rifugio Lagdei. Da qui in poco tempo ritorniamo al parcheggio dove avevamo lasciato l’auto. 12/02/2011.

Altri itinerari nei dintorni
  1. Lago Santo1
  2. Orsaro e Marmagna 1
  3. Orsaro e Brusà
  4. Lago Santo 2
  5. Sillara e Matto
  6. Orsaro e Marmagna 2
  7. Tavola e Fosco
  8. Passo del Lagastrello
  9. Monte Tavola