Val di Campo: Sfazù – Rifugio Saoseo – Camp – Lago Viola – Lago Saoseo (Poschiavo - Svizzera)

Località di partenza Sfazù (1622 m) Poschiavo - Svizzera
Lunghezza 14,9 km
Quota massima 2170 m Lago Viola
Dislivello complessivo in salita 677 m
Arrivo Sfazù (1622 m) Poschiavo - Svizzera
Acqua lungo il percorso SI - Selva - Lungacqua
Parcheggio libero Sfazù - Link
Traccia GPX Link
Mappa e profilo altimetrico Link

Come arrivare: da Sondrio si percorre la SS38 fino a Tirano e dopo il Santuario della Madonna, alla rotonda, si gira a sinistra verso Campocologno. Oltrepassata la frontiera Italia/Svizzera a Campocologno si seguono le indicazioni per Poschiavo e poi si prosegue per il passo del Bernina. Arrivati a Sfazù, sulla sinistra c'è un ampio parcheggio libero.
Il sentiero tra Camp e il Lago ViolaLasciamo l’auto nel parcheggio, attraversiamo la SS29 del Bernina e imbocchiamo la carrareccia sterrata che conduce all’Alpe Campo. La segnaletica verticale indica Rifugio Saoseo CAS (ore 1,15) e Camp (ore 1,30). Sono le ore 9:15 e la prima parte del percorso è ancora in ombra. I primi 300 metri hanno una pendenza media del 14,1% mentre i successivi 700 metri, hanno una pendenza media dell’11,1%. Arrivati alle prime case di Selva (1741 m), dove c’è la prima fontana, proseguiamo il cammino, sempre in salita e all’ombra. La carrareccia è perfettamente tenuta e senza difficoltà camminiamo spediti raggiungendo leColori autunnali case di Salina (1890 m) dopo aver percorso 1,8 km con pendenza media dell’8,2%. Proseguiamo mantenendo il torrente sulla nostra sinistra fino ad arrivare a Lungacqua dove sulla destra sorge il Rifugio Saoseo CAS (1985 m). Continuiamo a camminare, la pendenza si fa più accentuata e arriviamo all’Alpe Camp (2064 m) dopo aver percorso circa 660 metri con una pendenza media dell’11%. Dalla partenza a qui abbiamo percorso 4,9 km con una pendenza media del 9%. Finalmente il sole inizia a scaldare, ci fermiamo per mangiare una banana e per togliere la maglietta tecnica a maniche lunghe. Qui la segnaletica verticale indica a destraLago Viola Lagh da Saoseo (0,10 ore), Lagh da Scispadus (0,10 ore), Lagh da Val Viola (0,30 ore) e Pass da Val Viola (1,15 ore) mentre a sinistra Lagh da Roan (1,30 ore), Pass da Val Mera (2 ore) e Alpe Vago (4 ore). Eravamo stati all’Alpe Vago e il Passo di Val Mera in una nostra precedente escursione partendo da Livigno (LINK). A fianco della segnaletica verticale si trova un pannello per i ciclisti dove sono presenti diversi strumenti tecnici utili per una eventuale riparazione. Notiamo una cagnetta, sette tipi diversi di brugole e due cacciaviti, tutti legati con un comodo cavo d’acciaio. Giriamo a destra e proseguiamo verso il Lago Viola Lago Saoseopercorrendo un sentiero abbastanza in piano. Camminiamo all’interno del bosco di larici che mostrano con orgoglio i loro colori autunnali e dopo aver percorso 1,8 km con pendenza media del 6,1% arriviamo al bivio per il lago Viola. Giriamo a destra e raggiungiamo la riva del lago. Notiamo che è molto basso e sicuramente risente delle scarsissime precipitazioni di questi ultimi mesi. Ci sediamo sulla panchina fronte lago e ci godiamo il paesaggio concedendoci un piccolo spuntino. Dopo questa breve pausa decidiamo di attraversare il lago camminando su di un tratto terroso che normalmente si trova sommerso dall’acqua. RaggiungiamoLago Saoseo un piccolo promontorio dominato da un pino e approfittiamo della bella posizione per fotografare i larici vestiti con i colori dell’autunno. Proseguiamo su sentiero fino a ritornare al bivio da dove eravamo arrivati. Percorriamo a ritroso un tratto dello stesso sentiero fino al bivio dove la segnaletica verticale indica a sinistra il Lago Saoseo, mentre proseguendo dritto si arriva nuovamente al rifugio Camp. Giriamo a sinistra e in veloce discesa arriviamo lungo la riva del Lago Saoseo (2028 m). Il lago ha un colore magnifico ed è circondato da pini e larici che anche qui sfoggiano i loro colori autunnali. Un gruppo di fotografi Lago Saoseoarmati di treppiede e assistiti da un maestro stanno facendo un corso di fotografia e pensiamo che questo sia uno dei luoghi molto suggestivi per praticare quest’arte. Decidiamo di fare il giro del lago procedendo in senso antiorario. Ogni pochi passi ci fermiamo per fotografare il lago e il panorama circostante e così procediamo molto lentamente. La giornata è molto bella e il sentiero, una lieve traccia, si trova fortunatamente al sole. Dobbiamo stare attenti alle rocce che sono rimaste umide perché è facile scivolare. Ad un certo punto giungiamo in una macchia di mirtilli e con nostro grande stupore constatiamo Lago Saoseoche sono pieni di questo prelibato frutto. Ci fermiamo a raccoglierne qualche manciata che gustiamo subito e poi riprendiamo il cammino. La traccia di sentiero inizia a scostarsi dalla riva e sale di qualche metro. Giunti in una zona sassosa da cui si domina il lago, avvistiamo il sentiero che proviene dal Passo di Sacco (2742 m), il Passo che si trova lungo il confine italiano e che permette di arrivare nella Val Grosina a Malghera. Procediamo comodamente su questo sentiero e poi giriamo a sinistra per riportarci lungo la riva del lago dove ci sistemiamo su di un sasso a goderci questo magnifico panorama. La trasparenza dell’acqua è incredibile e la tonalità di verde si Lago Saoseoalterna a un azzurro molto intenso. La distesa circostante di alberi si riflette nell’acqua donando in alcuni punti del lago un bel colore giallo oro. Proseguiamo fino al bivio dove la segnaletica verticale indica dritto Rifugio Sasoseo (0,15 ore) e Sfazù (1,15 ore) e velocemente raggiungiamo il Rifugio Saoseo (1985 m), dove c’è una fontana. Dopo pochi passi ci immettiamo sulla carrareccia che avevamo percorso all’andata, in località Lungacqua, giriamo a sinistra e percorrendo la stessa carrareccia dell’andata raggiungiamo il parcheggio dove avevamo lasciato l’auto. 20/10/2018. Per visualizzare altre foto: link.

Altri itinerari nei dintorni
  1. San Romerio - MTB
  2. Lago Viola - MTB
  3. Albertusc
  4. San Romerio - ciaspole
  5. Lago Viola - ciaspole
  6. Cavaione
  7. Lagh dal Teo
  8. Passo del Bernina
  9. St. Moritz
  10. Passo di Val Viola
  11. 431 - Selva - Torn
  12. Col d'Anzana
  13. Val dal Fain
  14. Lago di Poschiavo
  15. Val di Campo