Lagdei - monte Tavola (Parma)

Località di partenza Lagdei (1257 m) -  Parma
Quota massima 1508 m monte Tavola
Dislivello complessivo in salita 300 m
Arrivo Lagdei (1257 m) -  Parma
Acqua lungo il percorso NO
Parcheggio libero Lagdei, località "i cancelli" - Link

Come arrivare: da Parma si percorre la SP665 verso Langhirano. Superato il paese si continua dritto in direzione di Pastorello dove, alla rotonda, si prosegue, prima uscita a destra, per Corniglio. Superati i paesi di Beduzzo, Curatico, Vestola si arriva a Miano. Poco dopo Miano si gira a destra e si seguono le indicazioni per Lagdei.

I cartelli indicatori a LagdeiLasciamo l’auto nel parcheggio ai “cancelli” di Lagdei. L’abbondante nevicata degli ultimi due giorni ci permette di raggiungere il rifugio Lagdei con le ciaspole ai piedi. Il sentiero per il monte Tavola (segnavia CAI n. 725) parte proprio davanti al rifugio. Il primo tratto è pianeggiante e dopo aver attraversato il ponticello di legno inizia la salita con lieve pendenza verso l’interno del bosco. Attraversiamo una zona disboscata di recente a causa di una malattia che ha colpito numerosi abeti. Sul percorso incontreremo altre piante malate che probabilmente dovranno essere abbattute a breve. IlIl sentiero tra i faggi del monte Tavola sentiero è largo, ben segnalato e non presenta alcuna difficoltà. Dopo aver superato un cancelletto in legno e affrontato una breve salita nella faggeta arriviamo a Roncobuono (1262 m). Seguiamo sempre il segnavia n. 725 ed iniziamo a salire seguendo le tracce lasciate il giorno prima da uno sciatore escursionista. La salita non è mai ripida e i faggi ricoperti di neve ci fanno compagnia. Arriviamo alla Bocchetta del Tavola (1444 m) Il monte Tavola visto dal bivio per il passo del Cironedove intercettiamo il sentiero proveniente dal monte Fosco. Qui è presente un cippo di confine in pietra datato 1828. Da questo punto in poi la salita si fa un poco più ripida ed è resa poco agibile dai grossi cumuli di neve che sono stati accumulati dal vento. In pochi minuti arriviamo al bivio per il passo del Cirone (il cartello indica circa un ora). Noi proseguiamo in salita verso la vetta del monte Tavola investiti da fortissime folate di vento gelido. Dopo aver percorsoLa cima del monte Tavola pochi metri in salita seguendo il bordo del prato arriviamo alla vetta del monte Tavola (1508 m). Il vento gelido continua a soffiare molto forte e dopo aver scattato qualche foto  cominciamo a scendere velocemente sino alla Bocchetta del Tavola. Da qui parte l’itinerario che porta al monte Fosco in circa 25 minuti. Decidiamo quindi di fare il giro ad anello e ci incamminiamo sul ripido sentiero verso la cima del monte Fosco. La salita è molto dura, ma quello che ci fa desistere dal continuare è il forte vento gelido che Panorama dal monte Tavolasoffia molto forte senza un attimo di tregua. Ritorniamo sui nostri passi e andiamo a riprendere la strada dell’andata che è sicuramente più riparata e in poco tempo giungiamo al rifugio Lagdei, dove, vista la bella giornata di sole, tante famiglie hanno deciso di trascorrere un po’ di ore sulla neve con i bambini. Ci godiamo anche noi un po’ di sole prima di riprendere la strada che ci porta al parcheggio dove avevamo lasciato l’auto il mattino. 23/01/2011. Per visualizzare altre foto: link.

Altri itinerari nei dintorni
  1. Lago Santo1
  2. Orsaro e Marmagna 1
  3. Orsaro e Brusà
  4. Lago Santo 2
  5. Sillara e Matto
  6. Orsaro e Marmagna 2
  7. Tavola e Fosco
  8. Passo del Lagastrello
  9. Monte Tavola