Corniglio - Lagoni - Passo della Colla - Prato Spilla - Passo di Ticchiano (Parma)

Località di partenza Corniglio (690 m) Parma
Lunghezza 68,2 km
Quota massima 1466 m Passo della Colla
Dislivello complessivo in salita 1893 m
Ciclabilità 100% - 90% asfalto e 10% sterrato
Arrivo Corniglio (690 m) Parma
Acqua lungo il percorso SI - Bosco - Lagoni - Valditacca - Monchio - Grammatica
Parcheggio libero Piazza Castello - Link
Traccia GPX Link
Mappa e profilo altimetrico Link

Come arrivare: da Parma si percorre la SP665 verso Langhirano. Superato il paese si continua dritto in direzione di Pastorello dove, alla rotonda, si prosegue, prima uscita a destra, per Corniglio. Superati i paesi di Beduzzo, Curatico, Vestola, Miano si arriva a Corniglio.
Corniglio: il castelloPartiamo da Corniglio (690 m) e iniziamo subito a pedalare in salita seguendo la strada provinciale per Bosco. Dopo 2 km arriviamo a Lago (763 m) e pedalando in falsopiano giungiamo al ponte sul torrente Parma di Badignana (787 m). Da quando è stata aperta la nuova strada proveniente da Miano, questo tratto di strada è quasi privo di traffico. Superato il ponte inizia la salita che in poco tempo ci porta alle porte di Bosco (841 m). Proseguiamo sulla strada principale e piegando verso sinistra continuiamo la salita. Arrivati al bivio successivo, teniamo ancora La carrareccia che conduce ai Lagonila sinistra e sempre su strada principale oltrepassiamo la località Ponte del Cogno (1032 m) e proseguiamo fino a Cancelli (1230 m). Dal ponte sul torrente Parma di Badignana a qui abbiamo percorso 5,7 chilometri superando un dislivello di 466 metri con una pendenza media dell’8,2% e una pendenza massima del 12,8%. Qui inizia lo sterrato, dapprima in leggera discesa e poi in salita, senza troppa pendenza, che in 4,5 km porta ai Lagoni (1339 m). Facciamo una breve pausa per goderci il panorama sulla riva del Lago Gemini Inferiore. Scattiamo qualche foto e poi ci dirigiamo alla fontana per ricaricare le borracce. Riprendiamo a pedalare, Il Lago Gemini Inferioresempre su sterrato e iniziamo una breve discesa per poi affrontare la dura salita che porta al passo della Colla (1466 m). La pendenza media è del 13,4% e la massima del 19,2%. Arrivati in cima, ci fermiamo per scattare la foto di rito e poi iniziamo la discesa, su sterrato molto sconnesso, che costeggiando la base del monte Navert (1654 m), conduce al caratteristico paesino Valditacca (901 m). Dal Passo della Colla a qui abbiamo percorso 5,6 chilometri con una pendenza media negativa dell’8,3%. Entrando in paese notiamo subito che è in corso una manifestazione folkloristica. Infatti oggi è la giornata di apertura Il Monte Navertdel “Festival di canto corale itinerante per le frazioni”. Oggi, a Valditacca, è presente il coro di Neviano degli Arduini il quale, a tappe lungo le strade del paese, si esibisce in tradizionali canti del passato. Facciamo una breve sosta anche noi nei pressi di una volta in pietra, dove il coro comincia ad intonare le prime note. Dopo un paio di brani rimontiamo in sella alle nostre MTB e, usciti da Valditacca percorrendo un acciottolato di pietra, giungiamo di nuovo sulla strada asfaltata, dove teniamo la destra, in leggera discesa fino al paese di Trefiumi (964 m). Dopo averlo superato arriviamo al bivio con la SP665R. In leggera salita arriviamoVerso Valditacca alla frazione di Rimagna (1000 m), poi la salita si fa più faticosa fino a giungere al bivio per Prato Spilla. Giriamo a destra e seguiamo la segnaletica stradale indicante Prato Spilla (4 km) e in salita costante giungiamo all’omonimo Rifugio a quota 1350 metri. Qui ci gustiamo due enormi panini alla pancetta e ci ristoriamo per bene prima di riprendere la discesa. Dall’inizio del giro a qui abbiamo percorso 38 chilometri e superato un dislivello di 1.478 metri. Riprendiamo la MTB e ipercorriamo a ritroso la stessa strada dell’andata fino al bivio di Trefiumi. Qui proseguiamo dritto mantenendoci sulla SP665R fino a Monchio Arrivo a Prato Spilladelle Corti (820 m) dove, all’inizio del paese, giriamo a sinistra per Corniglio. Da qui parte la strada di collegamento da Monchio a Corniglio passando per il Passo di Ticchiano. La salita fino al Passo è lunga 6 chilometri e supera un dislivello di 323 metri con una pendenza media del 5,4% e una pendenza massima del 10,2%.  Al Passo di Ticchiano (1154 m), dopo la foto di rito, ci lanciamo velocemente in discesa (10% di pendenza). Giunti a Casarola, paese natio del padre del poeta Attilio Bertolucci, e successivamente residenza estiva della famiglia Bertolucci, ritroviamo nel paesaggio circostante, le parole con le quali il poeta Grammatica: il Santuario di Nostra Signora del Rosariodescrisse il paese: “Arrivavamo alla nostra casa verso sera e davanti agli occhi mi si apriva la visione di un paese favoloso, staccato non solo dalla pianura ma dal mondo”. Al paese Casarola è molto legato anche il figlio Bernardo Bertolucci, unico regista italiano a vincere un Oscar per la regia. La strada prosegue in falsopiano fino a Grammatica (1027 m), un piccolo paesino che si distingue per il Santuario di Nostra Signora del Rosario. La strada prosegue, da adesso fino a Corniglio, in netta discesa e in poco tempo arriviamo al parcheggio dove avevamo lasciato l’auto. 14/07/2018. Per visualizzare altre foto: link.

Altri itinerari nei dintorni
  1. Lago Santo1
  2. Orsaro e Marmagna 1
  3. Orsaro e Brusà
  4. Lago Santo 2
  5. Sillara e Matto
  6. Orsaro e Marmagna 2
  7. Tavola e Fosco
  8. Passo del Lagastrello
  9. Monte Tavola
  10. Corniglio - Prato Spilla
  11.  
  12.