Campelli - Baite Meriggio - San Salvatore (Sondrio)

Località di partenza Campelli (1250 m) Sondrio
Lunghezza 18 km
Quota massima 2000 m Baite Meriggio
Dislivello complessivo in salita 1035 m
Ciclabilità 100% sterrato
Arrivo Campelli (1250 m) Sondrio
Acqua lungo il percorso SI - Contrada Barek
Parcheggio libero Chiesetta dei Campei - Link
Traccia GPX Link
Mappa e profilo altimetrico Link

Come arrivare: da Sondrio si prende la strada che sale a Albosaggia e si prosegue su via Roma fino ad arrivare alla chiesetta dei Campei.
Un tratto della carrarecciaLasciamo l’auto nell’ampio parcheggio davanti alla piccola chiesetta dei Campei a quota 1250 metri. Iniziamo a pedalare subito in salita in compagnia di Giulia e Mauro. I primi 500 metri hanno una pendenza media dell’11,8% poi, grazie a 4 tornanti, la pendenza media, nei successivi 370 metri, scende al 10,3%. Un cartello stradale indica un tratto cementato al 30%, e subito realizziamo che sarà una giornata votata alla fatica. Superato anche questo tratto inizia lo sterrato dal fondo abbastanza compatto. Per un tratto di 1,7 km abbiamo una pendenza media del 14,4% e ogni tanto, nei tratti più ripidi, siamo costretti a Panoramamettere il piede a terra e spingere le nostre MTB. Proseguiamo sempre in forte salita su un fondo non troppo regolare a causa dei sassi smossi. Superiamo i successivi 2,3 km con una pendenza media del 13,6% e arriviamo a quota 1980 metri. Qui facciamo una sosta, la segnaletica verticale indica dritto Alpe Meriggio (ore 0,30) e Lago della Casera (ore 1,30) mentre a sinistra indica Pizzo Meriggio (ore 1,10) e solo per il trekking. Purtroppo una grossa nuvola nera copre improvvisamente il sole e in poco tempo inizia a piovere e a grandinare.   Riprendiamo la pedalata, ma l’insistenza della pioggia e della grandine non ci permettono di raggiungere la caseraBaite Meriggio: da dx Giulia, Mauro e Fabrizio in località Baite Meriggio. Mauro e Giulia cercano riparo sotto una sporgenza rocciosa, mentre io e Loredana proseguiamo fino a che notiamo una casa di pietra situata sulla sinistra e poco più in alto della carrareccia. Prendiamo lo stradello in salita che porta alla casa spingendo la bicicletta e ci accorgiamo quasi subito che la porta è aperta. Non ci sembra vero! Si tratta di un rifugio della Proloco di Albosaggia, ristrutturato di recente e, con nostra piacevole sorpresa, dotato di camino con una buona scorta di legna. Nel frattempo continua a piovere e, quando Mauro ci telefona per sapere dove siamo, siamo ben contenti di dare la Baite Meriggio: il sentiero inerbitobella notizia e li invitiamo a raggiungerci. Nel frattempo accendiamo il fuoco. La legna è umida e la stanza si riempie subito di fumo. Mauro e Giulia arrivano e, contenti anche loro della bella sorpresa, fanno il possibile per aumentare la fiamma e in poco tempo abbiamo un bel focherello scoppiettante che ci permetterà di asciugare le magliette e indumenti vari.  Approfittiamo di una schiarita per procurarci un altro po’ di legna che avevamo visto sotto un grosso larice poco distante e con quella attizziamo per bene il fuoco. In attesa che il tempo migliori ci sediamo tutti e quattro vicino al camino e mangiamo i nostri panini. Dopo circa un’orettaContrada arek: panorama su San Salvatore il sole fa di nuovo capolino fra le nuvole e, ormai asciugati e riscaldati, siamo pronti per ripartire. Ringraziamo con tutto il cuore la comunità montana che ha sistemato questo rifugio perché ci ha permesso di stare al riparo e, soprattutto, di ripartire con gli indumenti asciutti e caldi. Rimontiamo in sella alle nostre MTB e procediamo verso le Baite Meriggio (2000 m) affrontando ancora qualche leggera salita. La casera è chiusa, l’alpeggio è vuoto e nei prati c’è ancora qualche tracce di neve.  In alto possiamo vedere la croce che segna la sommità del Pizzo Meriggio (2358 m). Proseguiamo il giro scendendo per un sentiero inerbito poi affrontiamo una dura salita su cemento lunga circa 100 metri con una pendenza media del 20,1% spingendo per l’ultima volta le nostre MTB. Continuiamo in Contrada Barek: le sculture di legnodiscesa fino a raggiungere il bivio per il Lago della Casera, che visiteremo in un’altra occasione, perché il cielo si sta ancora ricoprendo di nuvole nere. Proseguiamo in discesa fino ad arrivare a Contrada Barek (1520 m) dove ci fermiamo alla fontana per ricaricare le borracce con nuova acqua fresca. Alzando lo sguardo notiamo alcune sculture di legno che rappresentano diversi animali come l’orso, lo scoiattolo, il cane, l’aquila, ma anche personaggi che ricordano gnomi del bosco. Sotto di noi possiamo vedere la chiesetta di San Salvatore e la valle dell’Adda mentre in alto le Alpi Retiche sono ormai ricoperte dalle nubi. Dopo questa breve pausa rimontiamo in sella e pedaliamo fino a Campelli affrontando una serie di “mangia e bevi”. Giunti a Campelli (1340 m) attraversiamo un bel prato e sbuchiamo sulla strada asfaltata che con quattro tornanti ci porta al parcheggio. Non ci resta che caricare le MTB sull’auto e andarci a prendere un buon gelato per concludere in bellezza questa entusiasmante impegnativa pedalata. 02/06/2017. Per visualizzare altre foto: link.

Altri itinerari nei dintorni
  1. I Terrazzamenti 1
  2. Sentiero Valtellina 1
  3. Sentiero Rusca 1a tappa
  4. I Terrazzamenti 2
  5. Sentiero Valtellina 2
  6. Sentiero Rusca 2a tappa
  7. I Terrazzamenti 3
  8. Val di Togno - MTB
  9. Sentiero Rusca 3a tappa
  10. Lago di Colina
  11. Alpe Mara
  12. Val di Togno - Trek
  13. Lago di Arcoglio
  14. Bocchetta di Mara
  15. Rifugio Gugiatti
  16. Alpe Poverzone
  17. Vigneti e castagneti
  18. Scala dei Pizzi
  19. Giro delle tre chiese
  20. Giro del Meriggio
  21.