Riva del Garda - Giro dei Forti - Sentiero della Pace - Monte Brione (Trento)

Località di partenza Riva del Garda (65 m) Trento
Lunghezza 7,9 km
Quota massima 379 m Monte Brione
Dislivello complessivo in salita 447 m
Arrivo Riva del Garda (65 m) Trento
Acqua lungo il percorso NO
Parcheggio libero Via Vicenza - Link
Traccia GPX Link
Mappa Link

Come arrivare: dall'autostrada A22 si esce al casello di Rovereto Sud - Lago di Garda Nord e si prosegue verso Riva del Garda percorrendo la SS240. Arrivati a Riva del Garda si oltrepassa il fiume Sarca, giunti all’incrocio con via Belluno si gira a destra e alla seconda traversa si gira a destra Su via Vicenza dove c’è il parcheggio.
Riva del Garda, il lago presso il porto di San NicolòLasciamo l’auto nel piccolo parcheggio di via Vicenza, giriamo a sinistra e imbocchiamo via Belluno. Attraversiamo la SS240 e proseguiamo dalla parte opposta dirigendoci verso il lungolago. Giriamo a sinistra, raggiungiamo il porto San Nicolò e ci fermiamo per fotografare il primo dei manufatti militari che incontreremo oggi lungo il nostro percorso. Il forte San Nicolò è stato costruito fra il 1860 e il 1862, ampliato e rimodernato nel 1911/1912 ed è definito come forte di prima generazione. Proseguiamo girando intorno al forte e imbocchiamo il Sentiero della Pace, un tracciato che collega i luoghi e le memorie della Grande Guerra sul fronte del Trentino, dal passo del Tonale alla Marmolada, per una lunghezza di oltre 350 chilometri. Questo straordinario itinerario venne realizzato Lago di Gardaunendo sentieri ed ex strade militari negli anni dal 1986 al 1990. Saliamo i primi gradini e ci affacciamo da un punto panoramico dove la vista sul Lago di Garda è veramente spettacolare. Siamo alle pendici del Monte Brione e proseguiamo la nostra camminata procedendo in costa rassicurati da una robusta rete di protezione d’acciaio sulla nostra destra. Il sentiero è molto panoramico e ci fermiamo più volte per fotografare la foce del fiume Sarca, i vigneti verso Nago e la pianura, anch’essa costellata dai vigneti che si snoda lungo la valle del Sarca in direzione di Arco. Dopo circa 300 metri di cammino dall’inizio del Sentiero della Pace con pendenza media del 25,5%, raggiungiamo il Forte Garda. Venne realizzato fra il 1904 e il 1907 ed è definito come Forte Corazzato (quarta La foce del fiume Sarcagenerazione) e poteva ospitare 150-200 uomini. Dal fossato di gola del Forte parte una lunga galleria di circa 300 metri, con scalinate e punti di osservazione sulla parete del Brione che oggi non possiamo visitare in quanto la visita è consentita solamente da venerdì a domenica. La sua funzione era sia difensiva che offensiva data la sua posizione altamente strategica sul lago di Garda. Proseguiamo la nostra gita mantenendoci sempre a fianco della parete a strapiombo, fermandoci molto spesso per fotografare il panorama che si fa sempre più ampio. Percorriamo circa 700 metri di salita con una pendenza media del 15,4% fino a raggiungere un bivio dove teniamo la sinistra. Percorriamo circa 100 metri e arriviamo all’imbocco di una breve galleria scavata nella roccia, lunga 19 metri, dallaPanorama verso Tenno quale si gode un magnifico panorama. Ripercorriamo a ritroso i 100 metri e proseguiamo lungo il Sentiero della Pace. Dopo aver percorso altri 550 metri, con pendenza media del 15,9% arriviamo alla Batteria di Mezzo, costruita fra il 1898 e il 1900, definita Forte di montagna – Gebirgsforts (terza generazione) che poteva ospitare 100/150 uomini. Nel 1915 fu dotato di una lunga galleria che portava ad osservatori sulla parete strapiombante del Brione per controllare la zona di Nago e della foce del fiume Sarca. Da questa posizione si gode di un panorama a 360° e si può osservare, partendo da sinistra, tutta la zona lacustre che da Torbole conduce a Riva del Garda, il Lago di Garda, il Torrione, Tenno, Arco e il suo Castello, la valle del Sarca e i vigneti di Nago. Proseguiamo il cammino, arriviamo alla La Batteria di Mezzocroce e anche qui ci fermiamo per osservare il panorama. Continuiamo lungo il sentiero fino ad un bivio dove giriamo verso sinistra e tramite un piccolo sentiero ci immettiamo sulla carrareccia che porta verso le antenne e la vetta del Monte Brione. Percorriamo gli ultimi 140 metri di salita con pendenza media del 15,5% e arriviamo sulla vetta del Monte Brione (379 m) contrassegnata da una croce. Torniamo indietro fino alla Batteria di Mezzo e giriamo a destra proseguendo su comoda carrareccia. Continuiamo in buona discesa fino ad immetterci sulla carrareccia che sale da Riva del Garda, sentiero molto amato dagli appassionati di MTB. Continuiamo su Panorama su Riva del Garda e il Lagoquesta strada per circa 170 m, giunti al bivio teniamo la destra, e proseguiamo sul Sentiero della Pace fino ad arrivare alle rovine del Forte Sant’Alessandro (367 m).  Venne realizzato fra il 1880 e il 1881 e rimodernato fra il 1908 e il 1911, quando fu dotato di una stazione radiotelegrafica e di una polveriera. Forte in stile trentino di seconda generazione. Le artiglierie erano poste all’aperto (in “barbetta”) e la guarnigione poteva arrivare a 50 uomini. La sua funzione era quella di controllore la zona verso Arco e come supporto per segnalazioni ottiche agli altri Forti. Dal bivio a qui abbiamo percorso 600 metri con pendenza media del 10%. Iniziamo ora la discesa che prima su un ripido Panorama sulla Valle del Sarca e Arcosentierino e poi su comodo sentiero ci porta fino alle rovine di altre costruzioni militari. Sempre in discesa raggiungiamo altre rovine e così per tutto il percorso che si snoda dentro il bosco. Il sentiero è sempre molto bello, ma in questo tratto poco panoramico. Ogni tanto c’è qualche buon punto di osservazione e ne approfittiamo per scattare delle foto. Giunti sull’asfalto, nei pressi di alcune ville, scendiamo per un paio di tornanti e poi imbocchiamo via Sisto Mazzoldi. Continuando sempre dritto la via lascia il posto ad una pista ciclo pedonale che passa a fianco della chiesa moderna dedicata ai Santi Pietro e Paolo.  Camminiamo su pista ciclo pedonale fino al bivio con via Vicenza dove giriamo a destra e arriviamo nel punto in cui avevamo parcheggiato l’auto. 01/11/2016. Per visualizzare altre foto: link

Altri itinerari nei dintorni
  1. Passo Tremalzo 1
  2. Passo Tremalzo 2
  3. Passo Tremalzo 3
  4. Valle del Sarca
  5. Mori - Trento
  6. Ponale 2009
  7. Ponale 2015
  8. Nago - Rovereto
  9. Rifugio Graziani
  10. Lago di Tenno
  11. Orme dei dinosauri
  12. Giro dei Forti