I Terrazzamenti 3: Sant'Anna - Castione Andevenno - Postalesio - Berbenno in Valtellina (Sondrio)

Località di partenza Sant'Anna (422 m) Sondrio
Lunghezza 12,3 km
Quota massima 536 m
Dislivello complessivo in salita 384 m
Arrivo Sant'Anna (422 m) Sondrio
Acqua lungo il percorso Si - in ogni paese
Parcheggio libero Sant'Anna, vicino al cimitero - Link
Traccia GPX Link
Mappa Link
Profilo altimetrico Link

Come arrivare: da Sondrio si prende la SP15 per Chiesa in Valmalenco, dopo circa due chilometri si gira a sinistra e si può lasciare l’auto nel parcheggio vicino al cimitero.
Questo itinerario può essere percorso comodamente in MTB partendo da Sondrio.
I vignetiPartiamo dalla Contrada Colombera di S.Anna e raggiungiamo la Via dei terrazzamenti nel punto in cui si congiunge con il sentiero che proviene da Sondrio. Sulla nostra sinistra troviamo un pannello esplicativo contenente la cartina di “Sondrio e i suoi sentieri”. La segnaletica verticale indica la direzione di Triasso (50 minuti) e Sant’Anna (20 minuti). Da questo punto abbiamo una bella vista sulla città di Sondrio e sui caratteristici vigneti a terrazzo. Non molto lontano si nota la mole di colore giallo del convento di San Lorenzo, per molto tempo gestito dalle suore di Santa Croce, ma da qualche annoGrappoli d'uva disabitato. Noi proseguiamo dritto e dopo un tratto di strada in falsopiano affrontiamo due brevi ma dure salite. Dopo aver superato l’ultima salita proseguiamo fino a quando sulla sinistra incontriamo un punto panoramico denominato Rocce Rosse, allestito con alcune panche. Proseguiamo in discesa, oltrepassiamo un doppio tornante e sempre in discesa arriviamo a Triasso (460 m). Seguendo la segnaletica verticale di colore giallo indicante i Terrazzamenti continuiamo camminando a fianco delle case e del muro di contenimento. Giunti nella piazza La vendemmiateniamo la destra e iniziamo a salire percorrendo un piccolo stradello. Superata la salita entriamo nel territorio del comune di Castione Andevenno e proseguiamo fra i vigneti che in alcuni casi sono ancora carichi d’uva. Infatti, in alcuni punti stanno vendemmiando, alcuni con le caratteristiche “gerle”, mentre altri con delle più moderne cassette di plastica. Ci fermiamo un momento in località La Ganda (520 m) per bere un sorso d’acqua fresca alla fontana. Dopo il falsopiano iniziamo una leggera discesa, sempre su asfalto, giunti nel punto più basso lasciamo l’asfalto, girando a sinistra, e imbocchiamo una carrarecciaI vigneti del Sassella sterrata che si snoda tra piante di castagno. Passiamo sotto il piccolo nucleo abitato di Moroni mantenendoci ad una quota che varia tra i 460 e i 500 metri. Arrivati a fianco del campo sportivo ritroviamo l’asfalto, all’incrocio teniamo la destra e ci incamminiamo lungo via Roma. Passiamo per il centro di Castione Andevenno e giunti all’incrocio con la SP63 seguiamo l’indicazione stradale per Postalesio imboccando via Vendolo. Usciamo da Castione e continuiamo su asfalto per circa 500 metri fino ad arrivare a Vendolo dove, dopo aver oltrepassato il ponte sul torrente Bocco, sulla sinistra fotografiamo il vecchio mulino detto “della Rusina”. Proseguiamo il cammino fra gli Arrivo a Castione Andevennoedifici caratterizzati da murature in pietra a vista con rabbocco a calce o intonaco rustico e dopo l’ultima casa l’asfalto lascia il posto allo sterrato. La carrareccia prosegue in falsopiano fino al punto di sosta di Ca’ Sombrolo dove c’è anche un pannello didattico con la mappa del percorso. Inizia la salita su terreno formato da sassi smossi e ghiaietto fino ad arrivare ad una curva dove si gira a sinistra e si continua in falsopiano verso Postalesio. Raggiungiamo il punto più alto del percorso, 536 metri, e dopo poco ritroviamo l’asfalto giungendo a Postalesio su via Grande. Proseguiamo in discesa su via Grande, sempre seguendo i segnavia bianco-rosso con al centro il logo dei terrazzamenti, fino a quando diviene via Rodello. Qui seguiamo con attenzione i segnavia perché bisogna imboccareUn tratto del sentiero una scalinata sulla sinistra che scende ripida fino ad immettersi su via Roma. «Variante: Per chi sta seguendo i Terrazzamenti in MTB, deve proseguire dritto su via Rodello, oltrepassare la chiesa, girare a sinistra e continuare sempre su via Rodello, via Martiri della Libertà e via Roma». Giunti all’incrocio giriamo a destra imboccando la SP14, oltrepassiamo il torrente Caldenno, e poco prima del cimitero giriamo a destra imboccando la carrareccia sterrata via Cascina Guardia. Camminiamo su questa bella carrareccia fotografando sulla nostra destra le Alpi Retiche ricoperte dalle piante con i tipici colori autunnali. Proseguendo in piano per 1,4 La chiesa di Berbenno in Valtellinakm fino ad arrivare a Polaggia. Ritrovato l’asfalto giriamo a sinistra imboccando via Nuova poi, al bivio, teniamo la destra su via della Ghelfa. Continuiamo sempre dritto su questa strada che più avanti diviene via alle scuole. Seguiamo sempre i segnavia bianco-rosso, usciamo da Polaggia e proseguiamo in discesa, sempre su asfalto, fino ad arrivare a Berbenno. Ancora un ultimo sforzo, continuiamo la discesa, passiamo a fianco della chiesa e dopo il cimitero prendiamo una piccola scorciatoia. Proseguiamo lungo la strada principale fino ad arrivare a San Pietro Berbenno dove ci aspetta Stefano, il fratello di Loredana, per riportarci a Sant’Anna. Da San Pietro Berbenno è possibile prendere il treno per ritornare a Sondrio. Se avete parcheggiato l’auto a Sant’Anna si può continuare a piedi salendo lungo la via dei Terrazzamenti oppure prendere la corriera di linea. 24/10/2015.

Altri itinerari nei dintorni
  1. I Terrazzamenti 1
  2. Sentiero Valtellina 1
  3. Sentiero Rusca 1a tappa
  4. I Terrazzamenti 2
  5. Sentiero Valtellina 2
  6. Sentiero Rusca 2a tappa
  7. I Terrazzamenti 3
  8. Val di Togno - MTB
  9. Sentiero Rusca 3a tappa
  10. Lago di Colina
  11. Alpe Mara
  12. Val di Togno - Trek
  13. Lago di Arcoglio
  14. Bocchetta di Mara
  15. Rifugio Gugiatti
  16. Alpe Poverzone
  17. Vigneti e castagneti
  18. Scala dei Pizzi
  19. Giro delle tre chiese
  20. Giro del Meriggio
  21.