Livigno - Val Federia - Rifugio Cassana - Passo Cassana (Sondrio)

Località di partenza Livigno (1850 m) Sondrio
Lunghezza 13 km
Quota massima 2694 m - passo di Cassana
Dislivello complessivo in salita 963 m
Arrivo Livigno (1850 m) Sondrio
Acqua lungo il percorso SI - rifugio Cassana (nel periodo invernale è chiusa)
Parcheggio libero Livigno, ponte Calcheira
Traccia GPX Link
Mappa Link
Profilo altimetrico Link

Come arrivare: da Sondrio si segue la SS38 fino a Tirano poi si gira a sinistra seguendo le indicazioni stradali per Poschiavo. Dopo la dogana di Campocologno (ricordarsi il documento di identità) si passa Poschiavo e si sale verso il passo del Bernina. Arrivati al bivio per il passo della Forcola si gira a destra, si oltrepassa la dogana Svizzera e si rientra in Italia. Passata la Dogana italiana inizia la discesa e si arriva a Livigno. Attraversato il paese in direzione del lago si gira a sinistra su via dela Gésa, via Olta, via Cantòn e si seguono le indicazioni turistiche Val Federia fino al parcheggio.

Val FederiaLasciata l’auto nel parcheggio ci incamminiamo verso il ponte Calcheira. Senza attraversare il ponte seguiamo la segnaletica verticale indicante il rifugio Cassana a ore 2,40. Da qui parte una carrareccia sterrata e ben battuta a fianco del torrente, che manteniamo sulla nostra destra. A intervalli regolari sono allestite diverse aree pic-nic con tavoloni, panche e barbecue. Non ci sono però fontane. La temperatura si mantiene a 0° C. Una brina gelata ricopre i tavoli di legno. Procediamo a passo veloce in leggera salitaPunta Cassana fino alla deviazione per il rifugio Cassana. La carrareccia si impenna subito e in poco tempo l’ombra e il freddo lasciano il posto al tepore dei primi raggi di sole. La carrareccia è molto bella, ben battuta e adatta per il percorso in MTB, anche se la pendenza oscilla tra il 20% e il 37%. Un branco di camosci ci attraversa la strada e facciamo in tempo a scattare qualche foto. Il Rifugio Cassana e la Val FederiaProseguiamo in salita affrontando diversi tornanti e dopo circa un’ora e mezza raggiungiamo il rifugio Cassana (2601 m.), un ex-caserma militare della Prima Guerra Mondiale. In questo periodo è chiuso. L’unica fontana disponibile sul posto è chiusa. Proseguiamo il cammino in direzione del passo di Cassana prendendo l’unico sentiero tracciato alla spalle del rifugio. Dopo circa 10 minuti di cammino notiamo una scultura raffigurante un crocifisso che ci segnala la nostra meta, il passo Cassana (2694 m) detto anche Pass Chaschauna. Il panoramaVal Federia circostante a 360° è veramente notevole e la nostra attenzione è attratta dalla Punta Cassana (3071 m) che si erge maestosa non molto lontana da noi. Dopo aver scattato numerose fotografie torniamo indietro percorrendo lo stesso itinerario dell’andata. Giunti sulla carrareccia principale che porta in Val Federia optiamo per la strada alta, perché la carrareccia lungo il torrente è ancora tutta in ombra.  Dopo poco lo sterrato lascia il posto all’asfalto, passiamo a Val Federiafianco della piccola e caratteristica chiesetta dell’Addolorata e, sempre al sole, arriviamo al parcheggio dove avevamo lasciato l’auto il mattino. 19/10/2014. Per visualizzare altre foto: link

 

 
 

Altri itinerari nei dintorni
  1. Rifugio Cassana
  2. Alpe Vago
  3. Alpisella -Trela