Borgo Val di Taro - Passo Cento Croci - Varese Ligure - Passo della Cappelletta (Parma)

Località di partenza Borgo Val di Taro (420 m) - Parma
Lunghezza 76,6 km
Dislivello complessivo in salita 1809 m
Quota massima 1085 m - Passo della Cappelletta
Arrivo Borgo Val di Taro (420 m) - Parma
Ciclabilità 100% - 92% asfalto e 8% sterrato
Acqua lungo il percorso SI - Tornolo - Tarsogno - Varese Ligure
Parcheggio libero Borgo Val di Taro, via Cacchioli - Link
Traccia GPX Link
Mappa Link
Profilo altimetrico Link

Come arrivare: da Parma si prende l’autostrada A15 per Fornovo e arrivati al casello di Borgo Val di Taro si esce e si percorre la SP553 per Borgo Val di Taro.
Panorama Dopo aver lasciato l’auto nell’ampio parcheggio di Borgo Val di Taro iniziamo a pedalare verso il centro del paese su Via Cacchioli. All’incrocio giriamo a destra prendendo via Taro e proseguiamo verso sinistra seguendo le indicazioni stradali per Bedonia. Superiamo Largo Roma, giriamo a sinistra su via Piave e proseguiamo su questa via uscendo dal paese. Questa strada secondaria, poco trafficata, procede ad un’altitudine leggermente superiore rispetto a quella più trafficata del fondovalle. Affrontiamo un po’ di sali-scendi, e arrivati al bivioTarsogno seguiamo l’indicazione stradale sulla destra per Bertorella. La strada è molto bella e sale ancora per qualche metro prima di iniziare una bella discesa che in poco tempo ci permette di raggiungere Bertorella. Giriamo a sinistra, imbocchiamo la SP3, oltrepassiamo il ponte sul fiume Taro e alla rotonda proseguiamo dritto girando al primo bivio sulla destra. Seguiamo le indicazioni stradali per Isola di Compiano e Pieve di Campi su questa bella strada secondaria. Oggi sembra una tipica giornata autunnale. C’è la nebbia e i prati sono punteggiate da stupende ragnatele imperlate dalle goccioline di rugiada. Proseguiamo la pedalata alternando una serie di salite e discese fino ad arrivare a Isola di Compiano. Giriamo a sinistra e Il Passo Cento Crociproseguiamo verso Tornolo. Dopo il primo tratto in falsopiano inizia la salita che in breve ci porta al bivio della SP24. Finalmente la nebbia lascia il posto al sereno. Ci leviamo il giubbetto antivento e proseguiamo con la divisa estiva. Giriamo a sinistra seguendo le indicazioni stradali per Tornolo e Tarsogno e sempre in salita raggiungiamo Tornolo (620 m). Passiamo davanti alla chiesa e poi proseguiamo verso Santa Maria del Taro. Arrivati nei pressi del cimitero, continuiamo dritto verso Tarsogno ignorando la deviazione a destra per Santa Maria del Taro. La strada è molto bella e la pendenza moderata consente di impostare una pedalata regolare. Arrivati a Tarsogno ci fermiamo davanti alla chiesa per scattare un paio di foto. Da Tornolo aVarese Ligure: il castelo dei Fieschi Tarsogno abbiamo percorso 3,7 km e superato un dislivello di 185 m con una pendenza media del 5%. Riprendiamo a pedalare e giunti al bivio giriamo a destra. La salita adesso è più erta, ma mai dura e, pedalata dopo pedalata, arriviamo in vista del passo Cento Croci (1055 m), riconoscibile dal parco delle pale eoliche. Da Tarsogno al passo abbiamo percorso 3 km e superato un dislivello di 203 metri con una pendenza media del 6,8%. Il passo segna il confine tra Emilia Romagna e Liguria. Iniziamo la discesa verso Varese Ligure e dopo circa 430 metri giriamo a destra all’altezza del Ranch Camillo. Girando a sinistra si sale verso il passo della Cappelletta, deviazione che prenderemo al ritorno. Costeggiamo il fabbricato e al bivio proseguiamo dritti Varese Ligure: il ponte romanoseguendo l’indicazione stradale per Pecorara. Inizia lo sterrato su terreno ben battuto e proseguiamo in falsopiano fino a ritrovare l’asfalto. Affrontiamo una breve salita poi un altro tratto in falsopiano su carrareccia sterrata. La strada è molto bella e panoramica e continuiamo a pedalare immersi nella natura. A un certo punto la strada inizia a scendere con più decisione, affrontiamo vari tornati e oltrepassiamo una fattoria. Al bivio successivo giriamo a sinistra seguendo l’indicazione stradale per Varese Ligure. Adesso la carrareccia sterrata si fa più sconnessa e siamo contenti della scelta del tipo di bicicletta. Ritrovato l’asfalto, che da qui in poi non ci abbandonerà più, raggiungiamo i piccoli centri abitati diIl passo della Cappelletta Prate di Là e Prate di Qua. Ancora un pò di strada e sbuchiamo sulla SP523 del Colle di Cento Croci, dopo aver percorso, dalla deviazione del Ranch, circa 11,3 km. Continuiamo in discesa e raggiungiamo Varese Ligure (353 m). Al cartello che segnala l’inizio del paese giriamo a destra e proseguiamo su via Giuseppe Garibaldi. Il paesino è molto caratteristico  con le strade lastricate. Arrivati in piazza Mazzini proseguiamo, contromano, imboccando via Umberto e giungendo in piazza Vittorio Emanuele dove sorge il castello dei Fieschi. Ci fermiamo a fotografare il castello e poi giriamo attorno alle sue mura nel cosiddetto “Borgo Rotondo”. Notiamo una panetteria aperta e così approfittiamo per comprare due tranci di pizza e quattro Il passo della Cappellettapaste (6,80 euro) che ci gustiamo sulla panchina a ridosso del castello.  Riprendiamo la visita del piccolo paese. Entriamo nella chiesa dei Santi Filippo Neri e Teresa d’Avila, poi proseguiamo verso il ponte romanico di Grecino (1515) formato da unica arcata sovrastante il torrente Crovana. Ripresa via Garibaldi usiamo da Varese Ligure e pedaliamo in salita verso il passo Cento Croci. Superiamo il bivio dal quale eravamo giunti e affrontiamo questa bella salita impostando una pedalata regolare in quanto la strada sale con moderata pendenza. Giunti nuovamente all’altezza del Ranch Camillo giriamo a destra, imbocchiamo la salita per il passo della Cappelletta. Superata la salita la strada prosegue in un entusiasmante falsopiano regalando magnifiche vedute sulla vallata. Superiamo il passo di Caranza (1082 m) e arriviamo al passo della CappellettaPanorama (1085 m), sede di una cappelletta e del parco eolico. Dopo le foto di rito prendiamo la  veloce e spettacolare discesa che in breve ci porta a superare i paesi di Montegroppo, Boschetto, Albareto e Le Moie. Giunti al bivio con la SP523 giriamo a destra in direzione di Borgo Val di Taro. Percorriamo circa 2,3 km poi giriamo a sinistra seguendo l’indicazione stradale per Borgo Val di Taro. Oltrepassiamo il ponte sul Taro e con un paio di curve in salita raggiungiamo il bivio fino a riprendere la strada per Bertorella intrapresa il mattino, ma questa volta in direzione di Borgo Val di Taro. 04/10/2014. Per visualizzare altre foto: link

Altri itinerari nei dintorni
  1. Monte Gottero
  2. Varese Ligure
  3. Passo Cento Croci
  4. Bardi
  5. Passo del Brattello
  6. Monte Pelpi
  7. Valmozzola