Compiano - Alpe - Passo del Chiodo - Passo del Tomarlo (Parma)

Località di partenza Isola (413 m) - Parma
Lugnhezza 58 km
Quota massima 1482 m Paso del Tomarlo
Dislivello complessivo in salita 1455 m
Ciclabilità 100% asfalto
Arrivo Isola (413 m) - Parma
Acqua lungo il percorso SI - Tornolo - Alpe - Anzola
Parcheggio libero Isola, nello spiazzo sterrato. Link
Traccia GPX Link
Mappa Link
Profilo altimetrico Link

Come arrivare: da Parma si prende l’autostrada A15 per Fornovo e arrivati al casello di Borgo Val di Taro si esce e si percorre la SP553 per Borgo Val di Taro. Giunti al paese si prosegue seguendo le indicazioni stradali per Bedonia. Arrivati al bivio di Compiano si gira a sinistra per Isola, si oltrepassa il fiume Taro e si parcheggia sulla sinistra, di fronte al supermercato.
Alpe: la chiesaLasciamo l’auto nel parcheggio e in sella alla nostra bici iniziamo a pedalare seguendo le indicazioni stradali per Tornolo. Dopo il primo tratto in falsopiano inizia la salita che in breve ci porta al bivio della SP24. Giriamo a sinistra seguendo le indicazioni stradali per Tornolo e Tarsogno e sempre in salita raggiungiamo Tornolo (620 m). Passiamo davanti alla chiesa, ci fermiamo alla fontana e poi proseguiamo verso Santa Maria del Taro. Arrivati nei pressi del cimitero, giriamo a destra, seguendo l’indicazione stradale per Santa Maria del Taro. Inizia ora la discesa che, dopo alcuni tornanti, arriva ad un bivio dove giriamo a sinistra immettendoci sulla SP3. Continuiamo a pedalare in falso pianoUltima neve al Passo del Chiodo mantenendo il fiume Taro sulla nostra destra. Siamo quasi a livello del fiume, passiamo a fianco della sorgente di acqua minerale ferruginosa a quota 540 m e dopo aver superato l’oratorio della Madonna di Caravaggio arriviamo a Ponte Strambo (591 m). Superato il paese e oltrepassato il ponte sul fiume Taro giriamo a destra seguendo l’indicazione stradale per Alpe. Il primo tratto è in falsopiano poi la strada inizia a salire dolcemente. Il manto stradale è buono e la strada si mantiene all’ombra permettendoci di salire con una pedalata regolare. Arrivati ad Alpe (868 m) notiamo alcune case la cui facciata è ricoperta da dipinti molto vistosi e colorati. Da Prime genziane difronte al monte TomarloPonte Strambo ad Alpe si supera un dislivello di 223 m in 3 km con una pendenza media del 7,5% e massima del 12,6%. Approfittiamo della fontana per ricaricare le borracce e proseguiamo in salita superando il piccolo nucleo abitato. Il paesaggio è molto bello e la strada panoramica regala belle vedute sulle montagne circostanti. La salita si fa più dura e dopo aver costeggiato il monte Orocco, finalmente raggiungiamo il Passo della Tabella (1278 m) dove, a destra inizia la strada sterrata che conduce a Spora e Anzola. Da Alpe al Passo della Tabella si supera un dislivello di 380 m in 4 km con una pendenza media del 9,4% e massima del 15,8%. Noi proseguiamo dritto inoltrandoci in una bella faggeta ombrosa. A un certo punto notiamo, con nostra grande sorpresa, che sulla strada c’è ancora la neve e così ci fermiamo per scattare una foto. Proseguiamo inIl monte Tomarlo salita, che si mantiene costante, fino ad arrivare al passo del Chiodo (1456 m). Eravamo stati qui a settembre 2013 (vedi itinerario: link). Dopo la foto di rito proseguiamo verso il passo del Tomarlo seguendo le indicazioni stradali per Santo Stefano D’Aveto sulla destra. Imbocchiamo la SP75 in discesa, fino a raggiungere il primo bivio, sulla sinistra, per Villaneri-Alpicella. Adesso la strada inizia a salire in leggera pendenza e senza fatica arriviamo al bivio successivo dove, sempre a sinistra, si va a Santo Stefano d’Aveto mentre a destra, dopo pochi metri, si raggiunge il passo del Tomarlo (1482 m). Giriamo a destra e arriviamo al passo, dove facciamo una breve sosta per un panino, prima di riprendere la discesa che ci porterà ad Anzola. Dopo questa sosta ristoratrice, indossiamo l’antivento e affrontiamo la discesa. Al primo bivio giriamo a destra e poi sempre in discesa, su strada in parte dissestata, superiamo alcuni tornanti e lunghi rettilinei, godendoc del panorama che si apre sulla valle e sul piccolo nucleo di Volpara. Dopo 10 km raggiungiamo Anzola. Facciamo la sosta per il caffè e, dopo aver riempito le borracce d’acqua fresca alla fontanella prendiamo la strada sulla destra Passo del Tomarloseguendo le indicazioni stradali per Ponteceno. In falso piano pedaliamo mantenendo il torrente Ceno sulla nostra destra. Arrivati a Ponteceno (720 m), giriamo a destra seguendo le indicazioni per Bedonia. Inizia la salita che ci porta al Passo di Montevaccà (805 m), poi in discesa raggiungiamo Bedonia (500 m) e in falsopiano, in parte su strada provinciale e in parte su pista ciclabile, arriviamo al bivio di Compiano. Giriamo a destra, oltrepassiamo il ponte sul Taro e dopo pochissime pedalate arriviamo al parcheggio, dove avevamo lasciato l’auto. 10/05/2014.

Altri itinerari nei dintorni
  1. Santo Stefano d'Aveto
  2. Passo del Chiodo
  3. Passo del Tomarlo