Esterel: Boulouris – mont Vinaigre – Col de Suviers - Col des Trois Termes (Provenza-AlpiCosta Azzurra - Francia)

Località di partenza Boulouris (2 m) - St. Raphael - Francia
Lunghezza 64,8 km
Quota massima 614 m Mont Vinaigre
Dislivello complessivo in salita 1259 m
Ciclabilità 100% - 60% asfalto e 40% sterrato
Arrivo Boulouris (2 m) - St. Raphael - Francia
Acqua lungo il percorso SI - Sante Baume
Parcheggio libero Boulouris, route de la Necropole - Link
Traccia GPX Link
Mappa Link
Profilo altimetrico Link
Itinerari in Provenza - Alpi Costa Azzurra Link

Come arrivare: da St Raphael si prende il lungomare in direzione di Cannes. Dopo il semaforo si gira a sinistra su rue Valrose e si prosegue dritti. Alla rotonda si gira a destra e si prosegue su Av. Du Grand Defends fino ad incrociare sulla destra rue Raoul Blanchard. Alla rotonda si gira a sinistra e si parcheggia l'auto.

Col de l'Aire de l'Olivier Partiamo da casa verso le ore 8.00 e iniziamo a pedalare in leggera salita su Av. Du Grand Defends. Arrivati all'incrocio con rue R. Blanchard giriamo a destra e imbocchiamo questa piccola strada fiancheggiata sulla destra dalla pineta e a sinistra da numerose villette. Alla rotonda giriamo a sinistra, su rue de Necropole, dove è possibile parcheggiare l’auto, e proseguiamo dritto fino ad imboccare sulla destra l’Avenue Leo Lagrange. Alla seconda rotonda giriamo a sinistra imboccando il boulevard du Cerceron. Fortunatamente la ciclabile costeggia la strada sul lato destro e in tutta sicurezza arriviamo alla rotonda successiva. Qui attraversiamo la strada e ci portiamo sul lato opposto dove continua la pista ciclabile.La vista dal Mont Vinaigre Proseguiamo a fianco del boulevard du Cerceron fino ad incrociare sulla destra l'Av. Du Colonel Brooke. Giriamo su quest'ultima e proseguiamo sempre dritto fino al bivio con Chemin de Malpey. Qui ci spostiamo sulla sinistra e lasciata l'Av. Du Colonel Brooke che prosegue piegando verso destra, imbocchiamo Chemin de Malpey. La strada si fa subito più stretta e prosegue fra i pini silvestri mantenendo sulla destra il campo da golf. La strada sale leggermente e poco dopo arriviamo a Pas du Lievre dove inizia lo sterrato. Proseguiamo in salita, superiamo Col des Sacs (156 m), poi il Carrefour Roche Noire (269 m) e proseguiamo sempre in salita gustandoci gli stupendi Il Mont Vinaigre visto da una piazzola belvederepaesaggi. Passiamo a fianco della Maison Forestiere du Malpey e iniziamo la salita verso il mont Vinaigre. Pedaliamo all'ombra dei pini aggirando il monte sulla sinistra. Fortunatamente la salita è regolare con una pendenza costante e dopo una curva possiamo ammirare la torretta di avvistamento. Sotto di noi si apre un vasto panorama e si vede perfettamente la strada che abbiamo percorso. Ancora un paio di tornanti e arriviamo nel piazzale di atterraggio dell'elicottero. Giriamo a destra e affrontiamo l'ultimo tratto di salita, questa volta un po’ più ripido. Arrivati allo stradello che porta alla torre, dove è vietato l'accesso, lasciamo le biciclette e ci incamminiamo lungo il sentiero. Pochi minuti a piedi e siamo in “vetta”, il mont Vinaigre con i suoiPanorama da Col des Trois Termes 614 m di altezza è conquistato. Dal piazzale si gode un vasto panorama a 360°da Cannes a Saint Tropez. Dopo le foto andiamo a riprendere le MTB e ci lanciamo in una entusiasmante discesa fino ad arrivare al bivio dove eravamo partiti per la “scalata” del monte. Giriamo a sinistra e proseguiamo fino a Col de l'Aire de l'Olivier (370 m). Qui avevamo previsto di imboccare la Piste du Perthus ma purtroppo la carrareccia è vietata al transito delle biciclette. Non ci rimane che imboccare route des Cols fino alla Maison Forestiere de la Duchesse (390 m). Sempre pedalando su sterrato raggiungiamo Baisse Violette (362 m) e poi, con strada in discesa alquanto dissestata arriviamo a Col des Suvrieres (252 m). Qui giriamo a sinistra e risaliamo verso Col Rocher di Saint Barthelemy des Trois Termes (303 m). Decidiamo di percorrere la stessa strada che avevamo fatto il giorno precedente e così prendiamo la prima strada a destra. Dopo poco inizia l'asfalto e in leggera discesa superiamo Baisse des Cascade arrivando a Col de la Cadiere. La strada è molto bella e panoramica e senza accorgerci raggiungiamo Col Notre Dame. Qui troviamo un panorama sulla baia veramente notevole. Il mare oggi è di un colore azzurro molto intenso. Sulla sinistra possiamo vedere le località di Pointe du Trayas, Pointe du Notre Dame e Pointe de L'Esquillon. Sulla destra si erge Pic de L'Ours (480 m) individuabile dalla bianca antenna delle telecomunicazioni. Inizia ora una fantastica discesa con vista mare che velocemente ci porta aLe calanque toccare Col de Lentisque (263 m). Giriamo verso l'interno fino a Col de l'Eveque (159 m). Qui svoltiamo a destra e proseguiamo verso Agay. Facciamo una breve sosta a Sante Baume dove, superati alcuni scalini e percorso un breve tratto di sentiero, c'è l'unica fontana di tutto il percorso. Ricaricate le borracce continuiamo la discesa fino a un bivio, dove seguiamo l'indicazione per Rocher di Saint Barthelemy tenendo la sinistra e, in salita, percorriamo 1500 m fino ad arrivare al parcheggio di Plateau d'Antheor. Una sbarra segna il divieto di transito per le auto e noi, in tutta tranquillità, imbocchiamo questo tratto di strada, considerato uno dei più belli dell'Esterel. Il fondo di asfalto è in pratica perfetto e la denominazione del sentiero “Promenade Le calanque di Pointe de l'Observatoiredegli odori”, è dovuta al profumo delle fioriture rigogliose in questo periodo dell’anno. A mano a mano che si procede lo sguardo è attratto dalle incredibili rocce rosse che si ergono davanti a noi chiamate Rocher de St. Barthelemy. Facciamo una breve sosta in un punto panoramico, dove la vista spazia ampiamente su questo spettacolare anfiteatro che si apre sull’ampia distesa marina, di colore particolarmente azzurro che contrasta con il rosso delle rocce che proseguono nei suoi fondali. La strada prosegue in leggera discesa, con bellissimi scorci panoramici, poi inizia una forte discesa che velocemente Le calanque di Pointe de l'Observatoireci porta a Pointe de l'Observatorie. Siamo sul mare, giriamo a destra e percorriamo la D559 in direzione di Agay. Ci fermiamo diverse volte per fotografare le “calanque” e, ancora, le rocce dell'Esterel. La strada, poco trafficata in questo periodo, prosegue in falsopiano alternando discese con modeste salite. Superiamo Antheor, Agay, Le Dramont, dove c'è la salita più dura, e infine arriviamo a Boulouris. Giriamo a destra su rue Valrose e alla rotonda giriamo a destra su Boulevard des Mimosas fino a imboccare Av. Du Grand Defends. 07/04/2014. Per visualizzare altre foto: link

Altri itinerari nei dintorni
  1. Col des Trois Termes
  2. Lac Ecureuil
  3. Mont Vinaigre
  4. Ravin de Perthus
  5. Gourdon