Bedonia – Alpe – Monte Orocco – Passo del Chiodo - Montarsiccio (Parma)

Località di partenza Bedonia (500 m ) - Parma
Lunghezza 55 km
Quota massima 1456 m Passo del Chiodo
Dislivello complessivo in salita 1372 m
Ciclabilità 100% - 90% asfalto e 10% sterrato
Arrivo Bedonia (500 m ) - Parma
Acqua lungo il percorso SI - Alpe
Parcheggio libero Bedonia, largo Severino Musa di fronte alla Croce Rossa - Link
Traccia GPX Link
Mappa Link
Profilo altimetrico Link

Come arrivare: da Parma si prende l’autostrada A15 per Fornovo e arrivati al casello di Borgo Val di Taro si esce e si percorre la SP 553 per Borgo Val di Taro. Giunti al paese si prosegue seguendo le indicazioni stradali per Compiano e Bedonia.
Arrivo ad AlpeLasciamo l’auto nel parcheggio e saliti in sella alle nostre MTB iniziamo a pedalare su Via Divisione Giulia seguendo l’indicazione stradale per Chiavari e Tornolo in direzione di Piane di Carniglia. Dopo un breve tratto di discesa inizia la salita e proseguiamo sempre sulla SP3. Superiamo il bivio per Montarsiccio e proseguiamo sulla strada provinciale ignorando la deviazione sulla destra per Tornolo e Tarsogno. Dopo poco, costeggiando il fiumeAlpe: una casa dipinta Taro, raggiungiamo Piane di Carniglia. Attraversiamo il piccolo centro abitato, superiamo il ponte sul fiume Taro e continuiamo a pedalare in falso piano mantenendo il fiume sulla nostra destra. La strada è molto ombrosa. Siamo quasi a livello del fiume e dopo aver superato l’oratorio della Madonna di Caravaggio arriviamo a Ponte Strambo (591 m). Superato il paese e Alpe: la chiesaoltrepassato il ponte sul fiume Taro giriamo a destra seguendo l’indicazione stradale per Alpe. Il primo tratto è in falsopiano poi la strada inizia a salire dolcemente. Il manto stradale è buono e la strada si mantiene all’ombra permettendoci di salire con una pedalata regolare. Arrivati ad Alpe (868 m) notiamo alcune case la cui facciata è ricoperta da dipinti molto vistosi e colorati. Approfittiamo della fontana per ricaricare le borracce e proseguiamo in salita superando il piccolo nucleo abitato. Il paesaggio è molto bello e la strada panoramica regala belle vedute sul montagne circostanti. La salita si fa più dura e dopo aver costeggiato il monte Orocco, finalmenteVerso il passo del Chiodo raggiungiamo il Passo della Tabella (1278 m) dove, a destra inizia la strada sterrata che conduce a Spora e Anzola. Noi proseguiamo dritto inoltrandoci in una bella faggeta ombrosa e saliamo in direzione del passo del Chiodo. Dopo un breve tratto di discesa inizia la salita che si mantiene costante fino ad arrivare al passo del Chiodo (1456 m). Purtroppo ci accorgiamo quasi subito che la strada verso il Passo del Chiodo: un momento del rallypasso del Tomarlo è chiusa perché è in corso una gara di rally e così, non restando altro da fare, ci godiamo lo spettacolo delle auto in corsa. Ci dicono che la strada rimarrà chiusa fino alle 18.00 e allora decidiamo di tornare indietro fino al passo della Tabella da dove prendiamo la strada sterrata verso Anzola. Velocemente raggiungiamo il passo e iniziamo lo sterrato che nel primo tratto è in falsopiano. Ci fermiamo un momento per scattare alcune foto e poi iniziamo la discesa su fondo compatto e sassoso. Poco prima diI prati di Montarsiccio raggiungere Spora ritroviamo l’asfalto e proseguiamo speditamente verso Anzola costeggiando il torrente Ceno. Alle porte del paese, giriamo a destra seguendo le indicazioni stradali per Tomba (900 m). La strada sale con decisione superando in 3 km un dislivello medio del 4,5% e massimo del 13,5%. Proseguiamo sempre in salita fino a che la strada comincia a scendereMontarsiccio verso Montarsiccio (788 m). Il toponimo deriva da «mons arutius» monte bruciato. Vi sorgeva un castello, di cui rimangono pochi ruderi, dove nel 1298 vi morì Ubertino Landi. Usciti dal paese ci fermiamo alla fontana per ricaricare le borracce e poi proseguiamo, sempre in discesa fino a raggiungere la SP3. Adesso giriamo a sinistra e ripercorriamo a ritroso la stessa strada fatta al mattino fino al parcheggio dove avevamo lasciato l’auto. 01/09/2013.

Altri itinerari nei dintorni
  1. Santo Stefano d'Aveto
  2. Passo del Chiodo
  3. Passo del Tomarlo