Chiareggio – Rifugio Tartaglione – giro dei tre ponti (Sondrio)

Località di partenza Chiareggio (1612 m) - Sondrio
Lunghezza 7 km
Quota massima 1800 m rifugio Tartaglione - Crispo
Dislivello complessivo in salita 311 m
Arrivo Chiareggio (1612 m) - Sondrio
Acqua lungo il percorso NO
Parcheggio libero Chiareggio - Link
Traccia GPX Link
Mappa Link
Profilo altimetrico Link

Come arrivare: da Sondrio si percorre la SP15 fino a Chiesa in Valmalenco, poi si seguono le indicazioni per la località di Chiareggio (11 km circa).

Il pizzo TremoggiaLasciamo l’auto nel comodo parcheggio situato alle porte di Chiareggio e ci incamminiamo sulla strada asfaltata in direzione di Pian del Lupo. Il paese è ancora in ombra e l’asfalto è ricoperto da una leggera patina ghiacciata. Oltrepassiamo il bivio per il passo del Muretto e proseguiamo in discesa portandoci al livello del fiume Mallero. Alzando lo sguardo, in lontananza, completamente circondato dalla neve, si vede il rifugio Del Grande – Camerini (vedi escursione estate 2011). Finalmente arriviamo in una zona assolata e la temperatura cambia notevolmente. Gli alberi rivestono ancora i Il rifugio Tartaglione - Crispocolori autunnali e i larici sembrano quasi incendiati dalla luce del sole. Arriviamo a Forbicina (1640 m) e attraversiamo le baite, per la maggior parte diroccate. Il sentiero prosegue in leggera pendenza, superiamo l'Alpe Laresin (1710 m) e arriviamo fino all’ultima baita prima di svoltare a destra. Da qui la carrareccia sale con decisione fino al rifugio Tartaglione (1800 m). Il posto è magnifico e possiamo ammirare il panorama sulla piana di ChiareggioAlberello ghiacciato da un lato e sulla vedretta del Disgrazia dall’altro. Alle spalle del rifugio si distinguono: da sinistra, il Pizzo Tremoggia (3441 m), il Pizzo Malenco (3438 m) e la Sassa d’Entova (3329 m), il rifugio Longoni e il rifugio Scerscen. Sul fianco destro del rifugio Tartaglione si vedono il Pizzo Ventina (3261 m) e il monte Disgrazia con la sua vedretta. Il calore del sole ci scalda un po’ e ne approfittiamo per mangiare il nostro panino. Riprendiamo la via del ritorno fino a Forbicina e da li seguiamo la segnaletica verticaleche indica il sentiero dei tre ponti (40 min). Passiamo nei pressi di una baita ristrutturata e proseguiamo dritto, verso il fiume Mallero. Il primo guado lo affrontiamo senza ponte camminando Panoramasulle rocce rese scivolose dal ghiaccio.  Attraversiamo un breve tratto ciottoloso asciutto fino al primo ponte. Il paesaggio che si gode è magnifico. Lo sguardo spazia lungo la valle dello Scerscen e sulla cima del Pizzo Ventina. Dopo aver scattato alcune foto proseguiamo fino al secondo ponte. Anche da qui si gode un vasto panorama. Siamo arrivati sulla sponda opposta del fiume Mallero e proseguiamo in direzione di Chiareggio. Il sentiero stretto, mai pericoloso, costeggia il fiume. Attraversiamo prati completamente ghiacciati, doveIl monte Tremoggia si riflette in una pozza d'acqua l’erba e gli alberelli sono avvolti completamente da un cappotto di ghiaccio. Alcune pozze d’acqua, con le montagne riflesse dentro, offrono immagini suggestive.  Continuiamo nella nostra breve escursione fino ad arrivare all’ultimo ponte dove, girando a destra, si sale verso i rifugi Porro e Ventina, mentre a sinistra si attraversa il Mallero e ci si dirige verso le case di Chiareggio. Ancora pochi passi e arriviamo nuovamente all’auto. Questo giro, breve e poco impegnativo, è adatto a chi ha poco tempo però desidera ammirare panorami di alta montagna raggiungibili facilmente. 16/11/2012.

Altri itinerari nei dintorni
  1. Rifugio Longoni
  2. Rifugio Camerini
  3. Bocchel del Cane e Lago Pirola
  4. Alpe Pirlo - Trekking
  5. Laghi di Campagneda
  6. Laghetti di Sassersa
  7. Rifugio Tartaglione
  8. Sasso Nero
  9. Ex Rifugio Scerscen
  10. Rifugio Bosio - Ciaspole
  11. Passo del Muretto
  12. Rifugio Marinelli
  13. Alpe Musella
  14. Rifugio Bosio - MTB
  15. Rifugio Motta - Lago Palù