San Giuseppe - Chiareggio - Rifugio Tartaglione (Sondrio)

Località di partenza San Giuseppe (1433 m) - Sondrio
Quota massima 1800 m  rifugio Tartaglione
Dislivello complessivo in salita 500 m
Arrivo San Giuseppe (1433 m) - Sondrio
Acqua lungo il percorso SI - Chiareggio
Parcheggio libero San Giuseppe, in prossimità della pista da sci da fondo - Link

Come arrivare: da Sondrio si percorre la SP15 fino a Chiesa in Valmalenco, poi si seguono le indicazioni per la località di Chiareggio e dopo circa 5 km si arriva a San Giuseppe

Un tratto del sentiero che porta a ChiareggioLasciamo l’auto nel parcheggio di San Giuseppe, in prossimità della pista da sci da fondo. Con le ciaspole ai piedi andiamo verso la pista dove, mantenendo il lato destro ciaspoliamo lungo il percorso da fondo fino a Carotte (1472 m). In tempi normali, con abbondanza di neve la pista da sci da fondo prosegue battuta fino a Chiareggio, ma l’inverno 2011sarà ricordato per la scarsità di nevicate. Notiamo, infatti, che la pista è battuta fino aChiareggio Carotte e il fondo è appena sufficiente per proseguire con le ciaspole ai piedi. Affrontiamo la breve salita e seguendo la traccia della pista da fondo arriviamo a una deviazione, dove il cartello di colore giallo indica il Sentiero Rusca. Noi tralasciamo questa deviazione e proseguiamo in piano verso Senevedo (1490 m). Qui comincia un tratto in salita e dopo aver attraversato il bosco, sempre seguendo la pista da sci da fondo, arriviamo a Rifugio TartaglioneChiareggio (1612 m). Proseguiamo lungo il torrente Mallero. Poco più avanti troviamo la deviazione sulla sinistra per il rifugio Gerli – Porro, ma noi la ignoriamo e proseguiamo per Forbicina (1660 m). Superiamo le vecchie baite ormai diroccate e proseguiamo verso l’Alpe Laresin (1720 m), da dove parte il sentiero in netta salita che porta al rifugio TartaglionePanorama (1800 m), chiuso in inverno. In questo tratto di sentiero la neve è più abbondante ed è un piacere galleggiare in superficie con le ciaspole. Purtroppo siamo arrivati un po’ tardi e il sole è già calato dietro le cime lasciando all’ombra questo magnifico posto. Facciamo Panoramauna breve sosta mangiando panini e bevendo una bella tazza di tè caldo. Dal terrazzo panoramico di questo rifugio si può ammirare la vedretta del Disgrazia e la piana di Chiareggio. Sullo sfondo, a sinistra, la Sassa d’Entova e, visibile a occhio nudo, l’ex-rifugio Scerscen. Dopo aver scattato numerose foto alle cime a noi ormai familiari (vedi itinerari: 1, 2 e 3) riprendiamo la strada del ritorno seguendo lo stesso percorso dell’andata e torniamo a San Giuseppe, dove avevamo lasciato l’auto. 26/12/2011. Per visualizzare altre foto: link.
Altri itinerari nei dintorni
  1. Rifugio Longoni
  2. Rifugio Camerini
  3. Lago Pirola
  4. Alpe Pirlo - Trekking
  5. Laghi di Campagneda
  6. Laghetti di Sassersa
  7. Rifugio Tartaglione
  8. Sasso Nero
  9. Ex Rifugio Scerscen
  10. Rifugio Bosio - Ciaspole
  11. Passo del Muretto
  12. Rifugio Marinelli
  13. Alpe Musella
  14. Rifugio Bosio - MTB
  15. Rifugio Motta-Lago Palù