Caspoggio - Piazzo Cavalli - Alpe Cavaglia (Sondrio)

Località di partenza Caspoggio - Santa Elisabetta (1182 m) - Sondrio
Quota massima 2056 m Alpe Cavaglia
Dislivello complessivo in salita 1000 m
Arrivo Caspoggio - Santa Elisabetta (1182 m) - Sondrio
Acqua lungo il percorso SI - Santa Elisabetta - Prabello e Motta di Caspoggio
Parcheggio libero Caspoggio - Santa Elisabetta - Link

Come arrivare: da Sondrio si percorre la SP15 verso Chiesa in Valmalenco. Passata la frazione di Torre Santa Maria, alla rotonda girare a destra e seguire le indicazioni stradali per Caspoggio. Giunti in paese tenere la destra fino ad arrivare alla località Santa Elisabetta dove c’è un ampio parcheggio libero.

Sant'Antonio e la chiesaIl percorso inizia su strada asfaltata e con notevole pendenza. Seguiamo la segnaletica verticale che indica Piazzo Cavalli (ore 1,40) - Prabello (ore 0,25) e dopo aver lasciato la strada proseguiamo sul sentiero fino al paesino di Prabello (1311 m) intersecando più volte la carrareccia. Qui troviamo la segnaletica verticale con le indicazioni per Sant’Antonio (1337 m) e Pianaccio (1372 m) a sinistra, e per Motta di Caspoggio (1480 m) a destra. Seguiamo quest’ultima indicazione chePanorama dall'Alpe Cavaglia in poco tempo ci porta nel bosco e proseguiamo in salita su un sentiero ben tracciato. La salita si fa più ripida e dopo circa 10 minuti usciamo dal bosco e raggiungiamo le baite di Motta di Caspoggio (1480 m). Proseguiamo costeggiando alcune baite e andiamo a riprendere la mulattiera che ci conduce in un pianoro erboso provvisto di fontanella e di un piccolo laghetto in parte ghiacciato. Dopo aver scattato alcune foto riprendiamo il sentiero nel bosco che in questo tratto è privo di indicazioni. Poco più avanti incrociamo di nuovo la Panorama dal Dosso dei Galli. Sullo sfondo: Chiesa in Valmalenco e Primolocarrareccia. Svoltiamo a sinistra fino ad arrivare in un ampio parcheggio da dove è possibile individuare in lontananza la stazione di arrivo della seggiovia a Piazzo Cavalli. Seguiamo la pista da sci in netta pendenza fino a Piazzo Cavalli (1777 m). Facciamo una breve sosta per le foto e proseguiamo sempre sulla pista da sci fino alla segnaletica verticale che indica l’Alpe Cavaglia (ore 1,10) e l’Alpe Acquanera (ore 1,40). Il sentiero prosegue in falsopiano nel bosco fino alla segnaletica verticale, che a nostro avviso presenta qualche incongruenza nella tempistica rispetto alla segnaletica verticale a Piazzo Cavalli, aumentando il tempo di percorrenza verso le mete piuttosto che diminuirle. Avanziamo guadagnando quota e incontriamo un po’ di neve sul sentiero, che in questo tratto è completamente in ombra. Un’apertura sul panorama di fronte ci offre la vista su Lanzada (983 m), mentre alzando lo sguardo notiamo il rifugio Motta (2180 m) e la diga di Campo Moro (1934 m). Dopo aver attraversato una sassaia rientriamo nel bosco e, sempre camminando sulla neve, in poco tempoPanorama dal Dosso dei Galli raggiungiamo l’Alpe Cavaglia (2056 m). La giornata è molto bella e soleggiata e, considerata l’ora, decidiamo di fare uno spuntino godendo dello spettacolo offerto dalle montagne circostanti nella loro suggestiva veste autunnale. Dopo aver scattato un po’ di fotografie e girato un breve video, decidiamo di riprendere la strada del ritorno, anche perché abbiamo notato che il sentiero che porta all’Alpe Acquanera e al rifugio Cristina (2287 m) è ricoperto da uno strato di neve abbastanza consistente. Rimandiamo il proseguimento dell’escursione alla prossima stagione estiva. Il tratto di sentiero che abbiamo percorso fin qui fa parte del sentiero dell’Alta Via della Valmalenco, segnalata come tappa n° 8 e ha per meta il rifugio Cristina. In realtà le tabelle relative alle tappe dell’Alta Via della Valmalenco prevedono il percorso dal rifugio Cristina a Caspoggio Panorama dall'Alpe Cavaglia. Sullo sfondo le cime della Valmalenco(dislivello di circa 150 m), essendo la tappa successiva alla n. 7 (Rifugio Bignami-Passo Campagneda-Rifugio Cristina). Riprendiamo il sentiero verso il bosco e quando arriviamo alla segnaletica verticale incontrata in precedenza prendiamo la deviazione verso il Dosso dei Galli. Dopo una breve salita non troppo impegnativa sbuchiamo di nuovo sulla pista da sci e iniziamo la discesa fino alla stazione di arrivo della seggiovia di Dosso dei Galli (1875 m). Possiamo ammirare dall’alto lo spettacolare panorama delle cime ormai note della Valmalenco e poco più in basso Piazzo Cavalli, che raggiungiamo seguendo sempre la pista da sci. Facciamo una breve sosta sulle panche del ristorantePanorama dall'Alpe Cavaglia (chiuso in questa stagione) da dove è possibili distinguere l’Alpe Lago (1614 m), l’Alpe Airale (2097 m) e il monte Arcoglio (2459 m). Dopo aver scattato numerose foto riprendiamo la discesa, sempre seguendo la pista da sci fino a Motta di Caspoggio e Prabello. Da qui in poco tempo arriviamo al parcheggio di Santa Elisabetta. 30/10/2011. Per visualizzare altre foto: link.

Altri itinerari nei dintorni
  1. Rifugio Longoni
  2. Rifugio Camerini
  3. Lago Pirola
  4. Alpe Pirlo - Trekking
  5. Laghi di Campagneda
  6. Laghetti di Sassersa
  7. Rifugio Tartaglione
  8. Sasso Nero
  9. Ex Rifugio Scerscen
  10. Rifugio Bosio - Ciaspole
  11. Passo del Muretto
  12. Rifugio Marinelli
  13. Alpe Musella
  14. Rifugio Bosio - MTB
  15. Rifugio Motta-Lago Palù