Sirta - Tartano - Alpe Arale - Rifugio Beniamino (Sondrio)

Località di partenza Sirta (260 m) - Sondrio
Lunghezza 42 km
Quota massima 1500 m Rifugio Beniamino - Alpe Arale
Dislivello complessivo in salita 1250 m
Ciclabilità 100% - 99% asfalto 1% sterrato
Arrivo Sirta (260 m) - Sondrio
Acqua lungo il percorso SI - ovunque
Parcheggio libero Sirta - Link

Come arrivare: da Sondrio si percorre la SS38. Poco prima di Ardenno si gira a sinistra e oltrepassato il passaggio a livello si seguono le indicazioni per Forcola – Sirta. Dopo il rettilineo si gira a destra e prima del ponte sul fiume Adda c’è un piccolo parcheggio libero e una fontanella.

Il fiume Adda nei pressi della località SirtaIniziamo a pedalare superando il ponte sul fiume Adda e giriamo a destra lasciando alle nostra sinistra la località Sirta all’ombra della montagna. Passiamo d’avantiSirta alla chiesetta di San Gregorio e proseguiamo in falso piano fino all’incrocio con la strada che porta a Tartano (SP11) (2 km). Deviamo a sinistra e affrontiamo il primo tornante in salita costante. La strada è caratterizzata dalla presenza di cartelli stradali che numerano i Panorama su Morbegno<br />
e il lago di Como12 tonanti prima di arrivare in località Campo. Procediamo con la salita e all’altezza del 3° tornante facciamo una sosta per fotografare Morbegno e la bassa Valtellina. Oggi è una giornata molto limpida e soleggiata. La strada prosegue all’ombra dei castagni e così possiamo godere di una bella pedalata al fresco. Riprendiamo a pedalare e di tornante in tornante guadagniamo quota fino ad arrivare al punto dalCampo: panorama sulle cime della Val Masino quale si comincia a vedere il Lago di Como. Giunti al 10° tornante il panorama sul lago di Como si fa più ampio e ne approfittiamo per scattare ancora qualche foto. Riprendiamo a pedalare e passiamo in una breve galleria scavata nella roccia. Ancora un paio di tornanti e Il<br />
paesino di Campo e sullo sfondo il Lago di Comoarriviamo a Campo (1050 m) (12,4 km) nei pressi della chiesa parrocchiale di Sant’Agostino. Una breve sosta nel piazzale della chiesa per un ultimo sguardo al panorama sul lago di Como e il primo sulla Val Lunga. Inforchiamo di nuovo la bicicletta e facciamo una deviazione sulla sinistra per poter ammirare le montagne della Val Masino e Val di Mello. DaTartano questo punto la strada prosegue con poca pendenza fino a Tartano (1200 m) (16,6 km), sempre all’ombra, e si inoltra nella Val Lunga. Dal paese si ha un ottimo punto panoramico sulla Val Corta. Superato il paese la strada inizia a salire, ma mai con forte pendenza, e dopo aver superato il caratteristico paesino di Piana (1282 m), passiamo una galleria paramassi e giungiamo a San Antonio le Tegge.Ultimo tratto della Val<br />
Lunga Qui la strada asfaltata finisce e iniziamo il tratto sterrato che percorreremo fino alla fine del percorso in Alpe Arale (1485 m) (21 km). Prima di riprendere la strada del ritorno facciamo una sosta sulla riva del torrente Tartano e mangiamo la nostra solita bisciolina per riprendere un pò di energie. Inoltre il bosco offre abbondanza di lamponi e fragoline veramente saporite. Dopo la pausa riprendiamo il viaggio di ritorno passando d’avanti al rifugio Beniamino (1500 m) che in questo periodo è aperto e ne approfittiamo perUltimo tratto della Val Lunga prendere un caffè. Proseguiamo su questo tratto di carrareccia fino a ricongiungerci con la stessa strada che avevamo percorso all’andata. Facciamo una breve sosta al paesino di Piana. Seguendo il tratto di discesa su fondo acciottolato arriviamo al ponticello di legno sul torrente Tartano, Il rifugio Beniaminoda dove si ha una bella vista sulla chiesetta della Beata Vergine del Rosario. La presenza di grossi massi e di limpide pozze d’acqua ci invitano a scattare ancora qualche foto prima di ritornare sulla strada che in discesa ci porta velocemente fino a Tartano e poi a Campo, da dove affrontiamo i 12 tornanti in discesa fino a Sirta. 09/08/2011.

Altri itinerari nei dintorni
  1. Alpe Caldenno
  2. Prato Maslino
  3. Alpe Granda
  4. Passo Dordona
  5. Val Fabiolo
  6. Rifugio Beniamino