Collecchio - Medesano - Varano Melegari - Pelegrino P.se - Varano Marchesi (Parma)

Località di partenza Collcchio (50 m) Parma
Lunghezza 78 km
Quota massima 650 m Valico di Sant'Antonio
Dislivello comlessivo in salita 1104 m
Arrivo Collecchio (50 m) Parma
Ciclabilità 100% Asfalto
Acqua lungo il percorso SI - Varano de Melegari - Pellegrino Parmense
Parcheggio gratuito Via Sadat - LINK
Traccia GPX LINK
Mappa e profilo altimetrico LINK

Come arrivare: da Parma si percorre la SS62 passando per Lemignano e Stradella. Giunti a Collecchio, alla rotonda, si prende la seconda uscita e si continua su via Nazionale Est. Alla rotonda successiva si prende la prima uscita e si continua fino all’altra rotonda dove si gira a destra su viale della Libertà. Giunti all’incrocio con via Grassi si gira a destra e all’incrocio con via Sadat si gira ancora a destra. In fondo alla strada si trova il parcheggio.
Varano de Melegari: DallaraLasciamo l’auto nel parcheggio e iniziamo a pedalare su via Sadat. Giunti all’incrocio con la SP49 giriamo a destra, attraversiamo il passaggio a livello, proseguiamo dritto e all’incrocio con strada Varra Superiore giriamo a sinistra. Giunti all’altezza di una casa giriamo a sinistra e andiamo a prendere la pista ciclabile. Attenzione, questo breve tratto di strada di collegamento è privato, per imboccare la pista ciclabile correttamente bisogna proseguire dritto fino al bivio e poi girare a sinistra percorrendo in tutto 360 metri. Procediamo in tutta sicurezza paralleli alla SP120, attraversiamo il ponte sul fiume Taro e alla rotonda giriamo a sinistra imboccando Strada Ghiaie. Pedaliamo sempre sulla pista ciclabile che corre parallela alla strada e arriviamo a Medesano dove proseguiamo a fianco della SP357. Sempre su ciclabile Varano de Melegari: Dallaraarriviamo alla rotonda, attraversiamo la strada sulle strisce pedonali e proseguiamo sulla nuova pista ciclabile. Sottopassiamo la linea ferroviaria e continuiamo fino a Felegara dove la pista ciclabile termina. Giunti alla rotonda giriamo a destra su via Picelli e continuiamo dritto fino ad immetterci sulla SP357 dove giriamo a sinistra. Pedaliamo sulla strada provinciale che porta a Ramiola, e oltrepassato il paese, proseguiamo per Varano De’ Melegari (190 m), dove facciamo una sosta per fotografare la Dallara Academy. Questa struttura, voluta dall’Ingegner Giampaolo Dallara, si sviluppa su due piani collegati da un’ampia rampa curva. Al piano superiore sono esposti vari modelli di automobili, dalla Miura all’X19, dalle vetture Sport ai prototipi di Le Mans, e auto che hanno corso nella Formula 3 e Formula E. E’ possibile vistare la Serravallestruttura dal martedì al venerdì ore 11- 18 mentre il sabato dalle ore 10-18 al costo di 10 euro a persona. Rimontati in sella entriamo in Varano De’ Melegari e ci fermiamo un momento al panificio per prendere un paio di panini e due tortelli dolci ripieni con marmellata di prugne che si riveleranno buonissimi. Riprendiamo il nostro itinerario e giunti alla rotonda davanti al castello dei Pallavicino, costruito sulla riva sinistra del fiume Ceno, ci fermiamo per fotografarlo. Proseguiamo sulla SP28 fino a Serravalle dove facciamo una sosta per fotografare la pieve dedicata a San Lorenzo e il battistero che è considerato il monumento religioso più antico di tutto il Parmense. La sua forma ottagonale segue quanto prescritto da sant'Ambrogio, in quanto il numero 8 simboleggiava l'ottavo giorno, ossia quello della vita ultraterrena che Serravalle: il Battistero e la chiesaaveva inizio col battesimo. Rimontati in sella proseguiamo sulla SP28 fino ad arrivare al bivio dove giriamo a destra seguendo la segnaletica verticale indicante Vianino (2 km). Fin qui abbiamo percorso 29,9 km superando un dislivello di 260 metri su pista ciclabile e strada scarsamente trafficata. Iniziamo la salita, affrontiamo due tornanti e arriviamo in paese dove ci fermiamo per fotografare il monumento ai Caduti, il castello e la torre. Dal bivio a qui abbiamo percorso 1,8 km con una pendenza media del 3,8%. Proseguiamo su via Caduti per la Patria e giunti all’incrocio giriamo a destra seguendo la segnaletica stradale indicante Pellegrino P.se, Bertinelli e Maneia. Inizia una dura salita addolcita dal bel panorama e a mano a mano che saliamo lo sguardo spazia sulla valle del Ceno e le dolci colline circostanti. Giunti in Il castello di Vianinolocalità La Costa, al bivio giriamo a destra e proseguiamo in salita. Dalla segnaletica indicante Pellegrino P.se a qui abbiamo percorso 1,7 km superando un dislivello di 132 metri con una pendenza media del 7,8%. La strada prosegue sempre in salita, i primi 100 metri hanno una pendenza media del 13,3% mentre i successivi 200 metri hanno una pendenza media del 9,1%. Proseguiamo con dolci curve e controcurve tra la rada vegetazione per altri 3,2 km affrontando alcuni tratti ripidi con pendenza media del 13,5% fino ad arrivare a Gargnano (610 m) dove inizia la discesa. Rapidamente giungiamo all’incrocio con la SP30 dove giriamo a sinistra e in discesa arriviamo a Pellegrino Parmense. Al bivio con strada Bottego giriamo a destra e proseguiamo fino ad arrivare davanti alla chiesa di San Giuseppe che conserva al suo internoPanorama un gruppo scultoreo ligneo raffigurante l'Ultima Cena, realizzato da Walter Benecchi. Dopo la visita rimontiamo in sella e ci fermiamo sulla panchina vicino alla fontana per mangiare il panino e il tortello. Dopo questa sosta ristoratrice proseguiamo il nostro itinerario seguendo l’indicazione stradale per Salsomaggiore. Affrontiamo la “dura” salita che porta al valico di Sant’Antonio (Millepini), posto a 650 m s.l.m. Da Pellegrino P.se a qui abbiamo percorso 4 km con una pendenza media del 5,7%. Inizia una bellissima discesa, all’incrocio con strada della Costa giriamo a destra e ci fermiamo un momento per fotografare il panorama che da questo punto è veramente notevole. Proseguiamo su questa bella strada che inframezza brevi salite con altrettante discese fino ad arrivare al bivio dove la segnaletica stradale indica Loc. Valico di Sant'AntonioCase Boscaini a sinistra. Lasciamo la SP30 e proseguiamo su questa stradina che si mantiene sulla costa e ci consente di avere una buona panoramica su entrambi i versanti. Oltrepassata la località Case Boscaini inizia la discesa che in poco tempo ci conduce al paese di Varano De’ Marchesi. Fotografiamo il Palazzo Pallavicino, che si trova a fianco della chiesa dedicata a San Giorgio Martire, e proseguiamo velocemente sulla SP64 a quest’ora scarsamente trafficata. Oltrepassiamo Cella di Noceto e arriviamo a Medesano dove giriamo a destra su strada delle Milane. Giunti al bivio con strada Belvedere giriamo a sinistra e all’incrocio con strada Cornacina giriamo a destra prestando molta attenzione al traffico. PanoramaContinuiamo dritto fino all’incrocio con viale Alighieri dove giriamo a destra. Alla rotonda giriamo a sinistra e ci fermiamo in gelateria per riprendere le forze con un buon gelato. Dopo questa breve sosta golosa rimontiamo in sella e proseguiamo dritto fino all’incrocio con viale Martiri della Libertà dove giriamo a destra. In fondo alla strada giriamo a sinistra immettendoci nuovamente sulla provinciale. Giunti all’incrocio con strada Grossardi giriamo a sinistra. In discesa giungiamo all’incrocio con strada Brozzoli e da qui seguiamo a ritroso lo stesso percorso dell’andata fino a Collecchio. 24/02/2020