Romantische Strasse: Tauberrettersheim - Würzburg (Germania) - 6° giorno

Località di partenza Tauberrettersheim
Lunghezza 81 km
Dislivello complessivo in salita 300 m
Ciclabilità Asfalto 78 km - Sterrato 3 km
Arrivo Würzburg
Acqua lungo il percorso NO
Costo del biglietto del treno per una persona - Tratta Würzburg - Füssen Prenotazione: 4,50 euro; Bicicletta: 9 euro; Persona in II classe: 32 euro. (Totale del biglietto: 45 euro)

Weikersheim: il castelloAl mattino ci alziamo con il cielo tutto coperto, ma per fortuna non piove. Andiamo all’hotel Krone per la colazione, buona e abbondante. Dopo aver caricato le biciclette, iniziamo a pedalare lungo il Tauber e in poco tempo arriviamo a Weikersheim. Il castello apre alle 9.00 e così decidiamo di visitare il parco con un pò di preoccupazione, perché sentiamo dai tuoni che si sta avvicinando un temporale. Vediamo che da dietro le colline si avvicinano minacciose nuvole nere e compatte che non promettono niente di buono. Incalzati da questa minacciosa situazione, decidiamo di ripartire pedalando sempre più veloci sperando di evitare la pioggia. Arrivati a Markelsheim cominciamo a sentire le prime gocce d’acqua, ma non ci fermiamo per mettere i k-way, perché poco più avanti l’orizzonte sembra più chiaro e andando in quella direzione forse riusciamo a evitare il peggio. Cominciamo a pedalare tanto forte da raggiungere i 30 km orari nonostante le borseBad Mergentheim: Marktplatz appese sulle biciclette. Dopo circa 1,5 km non piove più e arriviamo fino a Bad Mergentheim, dove ci fermiamo per una breve visita della cittadina. Anche qui apprezziamo la gentilezza di un passante che si offre di farci una foto nella piazza vicino alla fontana centrale. Naturalmente accettiamo e lo ringraziamo per la cortesia. Terminata la visita, seguiamo i cartelli indicatori della Romantische Strasse per uscire dalla cittadina. Arrivati ad un bivio abbiamo un’indecisione e così ci fermiamo per consultare la cartina. Di nuovo emerge la gentilezza delle persone. Senza chiedere nulla si ferma un autobus di linea, l’autista apre le porte e dopo averci fatto salire consulta la nostra mappa e ci indica la strada da seguire. Tutto questo con i passeggeri a bordo che aspettano tranquillamente senza lamentarsi e che ci salutano dal finestrino. E’ stato un vero piacere avere Würzburg: Alte Mainbrückequesto supporto inaspettato. Grazie alle indicazioni forniteci usciamo da Bad Mergentheim e proseguiamo per Edelfingen, Königshofen fino ad arrivare a Tauberbischofsheim, dove ci fermiamo per la visita del paesino. Arriviamo alla piazza centrale dove troviamo il Kurmainzisches Schloss, che merita senz’altro una foto. Il tratto di strada che dobbiamo affrontare da adesso in avanti è abbastanza impegnativo. Infatti ci sono un paio di dure salite, ma anche delle discese diventate abbastanza pericolose, perché aveva piovuto poco prima del nostro arrivo. Riprendiamo a pedalare tenendo la ferrovia sulla nostra sinistra e il Tauber sulla destra fino ad arrivare aWürzburg: Alte Mainbrücke Werbach. Poco prima del paese passiamo sull’altra sponda del Tauber attraversando un caratteristico ponticello in pietra e proseguiamo verso Wenkheim costeggiando il fiume Welzbach. Arrivati a Oberalterheim dobbiamo affrontare una lunga e impegnativa salita per raggiungere Waldbrunn. Sempre incalzati dalle nuvole nere che imperversano nel cielo, affrontiamo la salita abbastanza velocemente con i tuoni che scandiscono le nostre pedalate e quando siamo in “vetta” cominciano a cadere le prime gocce di pioggia. Troviamo rifugio all’interno di un garage lasciato aperto e approfittiamo per mangiarci un panino sperando che la pioggia non duri molto. Infatti dopo un pò smette di piovere e ci lanciamo in una bella discesa fino a raggiungere il paese di Eisingen. Qui c’è l’ultima salita della giornata e la pista ciclabile coincide con la strada Würzburg: la Residenzprincipale del paese che è molto trafficata. Attraversiamo tutto il paese sino a Erbachshof, dove troviamo l’indicazione della pista ciclabile che ci fa svoltare a sinistra. Da adesso in poi una lunghissima discesa ci porta a Höchberg e poi finalmente a Würzburg, dove entriamo passando da una delle porte antiche delle mura fino all’attraversamento sul fiume Meno passando sul bellissimo ponte Alte Mainbrücke. Prendiamo la Domstrasse e passiamo davanti al duomo di St. Kilian. Raggiungiamo la Residence e, consultando la mappa, pedaliamo lungo la Rennweg che ci porta all’appartamento che avevamo prenotato da casa. Dopo aver sbrigato le formalità prendiamo possesso del piccolo appartamentoWürzburg: la Residenz (€ 58). E’ molto carino e pulito. C’è la cucina con un tavolo per due persone, il letto matrimoniale, un bel terrazzo e un bagno con una grande doccia. Siamo veramente molto contenti della scelta, ma soprattutto siamo contenti di aver portato a termine la nostra avventura in bicicletta sulla Romantische Strasse. Dopo una bella doccia ci prepariamo per la visita nella città di Würzburg, Nel frattempo il cielo si è liberato dalle nuvole e decidiamo di incamminarci verso il centro. Per prima cosa visitiamo lo stupendo parco della Residenz dove scattiamo numerose fotografie. Ci dirigiamo poi verso Theaterstrasse per vedere il Burgerspital, una costruzione con il tetto pieno di campane. Proseguiamo la visita fermandoci alla Stiff Haug che è l’opera più importante dell’architetto italiano A. Petrini. Al Würzburgsuo interno, sopra l’altare maggiore si trova una grossa tela del Tintoretto. Ci dirigiamo poi verso il monumento a Wilhelm Conrad Röntgen, scopritore, proprio qui a Würzburg, dei Raggi X nel 1895. Ci spostiamo al Juliusspital che in questo momento è in restauro e così proseguiamo fino alla piazza del mercato. Qui c’è l’ufficio informazioni turistiche sistemato all’interno di un palazzo dalla ricca facciata rococò. A fianco c’è la Marienkapelle del 1377 in forme tardogotiche. All’interno, una bella madonna argentea del 1420. Poi ci rechiamo a visitare uno dei simboli di Würzburg, l’Alter Kranen, antica gru del 1772-73, veramente molto caratteristica. Passeggiando lungo il Meno ci portiamo sull’Alte Mainbrücke, lo attraversiamo e saliamo fino alla fortezza di Marienberg, da dove si gode uno stupendo panorama sulla città. Ridiscesi dalla collina e ripassati sul ponte visitiamo il duomo St. Kilian, capolavoro del romanico tedesco del 1040. All’interno c’è una serie di monumenti funebri dei vescovi. Ormai stanchi ci dirigiamo verso l’appartamento, visitando lungo il percorso, con una piccola deviazione, la moderna chiesa di St. Johannis del 1957. 12/05/2011. Per visualizzare altre foto della tappa: link.