Romantische Strasse: Füssen - Landsberg am Lech (Germania) - 2° giorno

Località di partenza Füssen
Lunghezza 90 km
Dislivello complessivo in salita 500 m
Ciclabilità Asfalto 85 km - Sterrato 5 km
Arrivo Landsberg am Lech
Acqua lungo il percorso SI, Peiting

La chiesa di St. Coloman e sullo sfondo il castello di NeuschwansteinHa inizio la prima tappa del nostro viaggio sulla Romantische Strasse. Dopo una bella dormita e un’abbondante colazione all'hotel Fam. Waldmannn (€ 72,90), partiamo da Füssen alle ore 8.00. La giornata è molto bella, ma l’aria è ancora fresca e così indossiamo i gambalotti e la giacca pesante. Senza alcuna difficoltà troviamo subito la segnaletica che ci accompagnerà per tutto il percorso della Romantische Strasse e ci dirigiamo verso Schwangau. Subito dopo il paese, alla nostra destra notiamo nel mezzo di una vasta distesa prativa, ricca di fiori bianchi e gialli, la chiesa di St. Coloman e poco più in alto sulla collina si erge il castello di Neuschwenstein.La pista ciclabile vicino a St. Coloman La pista ciclabile è su fondo asfaltato e costeggia il lago Bannwaldsee, che ci offre un panorama incantevole. Proseguiamo verso Halblech. Arrivati a Oberreiten affrontiamo la prima salita della giornata. Non è molto impegnativa, ma lunga. Da adesso in poi si susseguono salite e discese, alcune su fondo sterrato e altre su fondo asfaltato, fino ad arrivare all’abbazia di Wiesskirche. L’abbazia è situata in una posizione molto suggestiva, immersa nelle immense distese di prati ben curati delimitati dal bosco. Il nome Wiess significa appunto “nel prato”. I muri bianchi dell’edificio spiccano, notevolmente in Wieskirchecontrasto con il verde dei prati circostanti. Sono le ore 9.45 e all’interno si sta celebrando la Santa Messa. Decidiamo di aspettare pazientemente la fine del rito per la visita dell’interno. Alle ore 10.40, finalmente, possiamo entrare e subito lo sguardo è attratto dalla ricchezza di decorazioni rococò realizzate dai fratelli Zimmermann tra il 1746-1754. Anche laUna via di Landsberg am Lech chiesa è opera degli stessi fratelli ed è stata dichiarata dall’UNESCO “Patrimonio dell’Umanità”. Questo luogo divenne meta di pellegrinaggio dal 14 giugno 1738 quando la statua del “Cristo flagellato” cominciò a versare lacrime. Oggi la statua è collocata sull’altare centrale. Dopo questa lunga sosta riprendiamo a pedalare affrontando i sali scendi e toccando i paesini di Wildsteig e di Rottenbuch, dove ci fermiamo per una breve visita della chiesa dedicata a Mariä Geburt. E’ considerata uno degli esempi più classici dello stile rococò, come si evince dalle numerose decorazioni. Proseguiamo verso Peiting, dove troviamo in questa tappa, la prima e unica fontana di acqua potabile (nota: la maggior parte delle fontane incontrate riportano la dicitura “Kein Wasser”, indicante acqua non potabile). In questa Il Rathaus di Landsberg am Lechzona le indicazioni che ci hanno accompagnato finora sono un po’ carenti e, a fatica, troviamo la giusta direzione per raggiungere Schongau. Una breve ma intensa salita ci conduce alla piazza centrale, dove oggi c’è il mercato. Ci sediamo di fianco alla fontana centrale della piazza e all’ombra di una pianta mangiamo i nostri panini allietati dalla musica andina offerta da un trio in costume. Visitiamo la cittadina e poi riprendiamo a pedalare, ma perdiamo di vista i cartelli bianco-verdi della Romantische Strasse. Chiediamo informazioni a un paio di persone, le quali gentilmente ci indicano una pista alternativa per raggiungere il paese di Hohenfurch. Per fortuna ritroviamo le indicazioni e dopo aver affrontato un’altra piccola salita proseguiamo verso Kinsau e Epfach. Superato quest’ultimo paese, passiamo il fiume Lech e affrontiamo una lunga salita abbastanza impegnativa che ci porta al paese di Reichling. Finalmente le salite sono finite e quasi in leggera discesa raggiungiamo i paesi di Stoffen e Pitzling. Da qui riprendiamo la pista su fondo sterrato in mezzo al bosco e costeggiando il fiume Lech arriviamo finalmente al paese di Landsberg am Lech. Grazie alla mappa di Google precedentemente stampata troviamo senzaLandsberg am Lech difficoltà la Gasthof (€ 72,00), che si trova vicino alla piazza centrale del paese, a fianco della Stadpfarrkirche. In questo frangente scopriamo la comodità di aver prenotato il pernottamento da casa, senza dover perdere tempo alla ricerca di un alloggio dopo aver pedalato per tanti chilometri. Sono le ore 16.00 e finalmente depositiamo le biciclette nello stanzino che ci indica il proprietario della Gasthof e ci concediamo una bella doccia calda rigenerante prima di affrontare la visita della città. Seguiamo l’itinerario turistico suggerito dalla mappa e il resto del pomeriggio lo dedichiamo alla visita di Landsberg fino alle ore 19.00, quando, presi dalla stanchezza e dalla fame, troviamo un ristorante sulla riva del fiume Lech e dopo esserci accomodati nel giardino all’aperto, ordiniamo due Schnitzel con patate fritte (€ 25,00). 08/05/2011. Per visualizzare altre foto della giornata: link.