Tresivio - Prasomaso (Sondrio)

Località di partenza Tresivio (520 m) Sondrio
Lunghezza 10,9 km
Dislivello complessivo in salita 789 m
Quota massima 1248 m Prasomaso
Arrivo Tresivio (520 m) Sondrio
Acqua lungo il percorso SI - in ogni frazione
Parcheggio libero Via Santa Casa - LINK
Traccia GPX LINK
Mappa e profilo altimetrico LINK

Come arrivare: Da Sondrio o da Tirano si percorre la SS38 fino all’incrocio con via Tresivio. Si prosegue sempre dritto fino all’incrocio con la SP21 – Panoramica dove si gira a sinistra. Al semaforo si gira a destra su via Roma e giunti al bivio con via Santa Casa si gira a sinistra. Dopo pochi metri, a fianco del cimitero, si trova il parcheggio.
Tresivio: la Santa CasaLasciamo l’auto nel parcheggio e ci avviamo a piedi verso via Roma. Giriamo a sinistra e poi subito a destra imboccando una stretta viuzza. Subito si sale con buona pendenza e sbucati su via Piedo proseguiamo fino al tornante. Giriamo a destra imboccando il sentiero sterrato che sale a fianco dei campi, attraversiamo via Gaggine e continuiamo su sentiero in parte acciottolato. Giunti su via Sant’Abbondio giriamo a destra camminando su asfalto e attraversando il piccolo nucleo abitato dove si trova la prima Un tratto del sentiero con i muretti a seccofontana. Dopo poco giriamo a sinistra riprendendo il sentiero che ci conduce in Contrada Sant’Antonio dove si trova un’altra fontana. Sempre su questo sentiero guadagniamo quota, attraversiamo via Sant’Antonio e entriamo nel bosco. Dalla partenza a qui abbiamo percorso 1,7 chilometri superando un dislivello di 252 metri con una pendenza media del 14,9%. In questa parte di percorso il fondo del sentiero è acciottolato e i lati sono costituiti da muri in sasso che, in alcuni punti, necessitano di manutenzione. I castagni ci fanno ombra, mentre i fiori di ciliegio illuminano la natura che si sta risvegliando. Camminiamo sempre in salita, oltrepassiamo una cappelletta e arriviamo ad alcune case dove si trova una fontana. Attraversata la strada asfaltata si imbocca il sentiero che piega verso sinistra e notiamo che la furia del vento di ottobre 2018 ha fatto molti danni. Ci sono tantissime piante sradicate o spezzate e probabilmente ci vorranno degli Prasomaso: il vecchio sanatorioanni per piantumare l’intera area. I tronchi caduti sul sentiero sono stati rimossi, ma quelli all’interno del bosco sono ancora da tagliare e portare via. Abeti altissimi dal fusto imponente giacciono a terra schiantati e speriamo che la mancanza di queste piante non porti a una franosità del terreno durante le piogge. Sempre in salita giungiamo a Prasomaso dove le rovine del sanatorio aspettano pazientemente un restauro. Incontriamo una signora del posto cheTresivio ci informa sulle condizioni dei sentieri. Ci sconsiglia di intraprendere quello da noi scelto a causa de molti alberi caduti e così ci avviamo su asfalto ancora per un poco in direzione di Boirolo. Camminare su strada carrozzabile non è proprio “fare trekking” e così decidiamo di tornare a Tresivio percorrendo lo stesso sentiero dell’andata. Giunti al parcheggio proseguiamo dritto e andiamo a visitare il Santuario di Nostra Signora di Loreto, in stile barocco, che spicca per la sua imponenza. Dal piazzale antistante si gode di un vasto panorama sulla Valtellina e le Alpi Orobie. 31/03/2019. Per visualizzare altre foto: LINK

Altri itinerari nei dintorni
  1. I Terrazzamenti 1
  2. Sentiero Valtellina 1
  3. Sentiero Rusca 1a tappa
  4. I Terrazzamenti 2
  5. Sentiero Valtellina 2
  6. Sentiero Rusca 2a tappa
  7. I Terrazzamenti 3
  8. Val di Togno - MTB
  9. Sentiero Rusca 3a tappa
  10. Lago di Colina
  11. Alpe Mara
  12. Val di Togno - Trek
  13. Lago di Arcoglio
  14. Bocchetta di Mara
  15. Rifugio Gugiatti
  16. Alpe Poverzone
  17. Vigneti e castagneti
  18. Scala dei Pizzi
  19. Giro delle tre chiese
  20. Giro del Meriggio
  21. Monte Rolla
  22. Tresivio - Prasomaso
  23.  
  24.